Cronaca

Anzio, aggredisce l’ex e lancia pietre contro l’ambulanza che la soccorre: arrestato

Condividi su Facebook Condividi su Whatsapp Condividi su Telegram Condividi su Twitter Condividi su Email Condividi su Linkedin
Ennesimo tragico incidente sul lavoro tra Aprilia e Lanuvio: morto 29enne di Roma

Sono stati gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Anzio-Nettuno ad arrestare un cittadino italiano di 53 anni gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia.

Anzio, uomo diventa un vero e proprio incubo per l’ex compagna: dopo averla aggredita, tira pietre anche contro l’ambulanza che la soccorre

L’uomo era diventato un incubo per l’ex compagna, la quale da diverso tempo era vittima delle sue violenze. Infatti, la 51enne era stata più volte aggredita e picchiata dall’uomo, e pur avendo fatto diversi accessi in ospedale per essere curata, non aveva mai denunciato le violenze subite per paura di ritorsioni.

Il 14 gennaio scorso, gli agenti del commissariato di zona sono intervenuti in un bar nei pressi della stazione ferroviaria di Lavinio, dove la donna era stata aggredita e malmenata.

Appena giunti sul posto i poliziotti si sono imbattuti in un uomo che stava lanciando grosse pietre contro un’ambulanza dove all’interno vi era la donna, visibilmente impaurita con ferite in varie parti del corpo.

A questo punto l’uomo è stato immediatamente bloccato ed arrestato.

Successivamente, l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’operato dei poliziotti e per l’uomo è stata disposta la custodia cautelare in carcere.

Nettuno, in carcere un 50enne: ecco perché

Inoltre, nel pomeriggio dello scorso 17 gennaio, nel comune di Nettuno, sempre gli agenti del Commissariato Anzio – Nettuno hanno tratto in arresto un 50enne nettunese, in esecuzione di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri – Ufficio Esecuzioni Penali. Quest’ultimo dovrà espiare la pena di 4 anni di reclusione per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, commessi nel 2019, a Nettuno.

Sulla base del provvedimento restrittivo l’uomo è stato associato presso la casa circondariale di Velletri.

Ad ogni modo gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.


Se sei vittima di violenza di genere e/o domestica, contatta le Forze dell’Ordine o il 1522