Casilina News
Cronaca

San Cesareo, arrestati due uomini per violenza sessuale: hanno abusato di una donna in condizioni di inferiorità psichica

Allumiere, la madre non gli dà i soldi e lui tenta di strangolarla

Nel rispetto dei diritti dell’indagato (da ritenersi presunto innocente in considerazione dell’attuale fase del procedimento – indagini preliminari – fino ad un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile) ed al fine di assicurare il diritto di cronaca costituzionalmente garantito, che militari della Compagnia Carabinieri di Palestrina, nell’ambito del contrasto ai reati rientranti nel cd. Codice Rosso, hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP del Tribunale di Tivoli nei confronti di un 32enne di Cave e di un 43enne di origini rumene di San Cesareo.

PALESTRINA (RM) – VIOLENZA DI GENERE – TUTELA DELLA DONNA VITTIMA DI VIOLENZA, UNO DEGLI INDAGATI LE DICEVA: “STAI TRANQUILLA, NON SUCCEDE NIENTE “- I CARABINIERI ARRESTANO DUE UOMINI PER VIOLENZA SESSUALE

Il tempestivo intervento della Procura della Repubblica di Tivoli e dei Carabinieri della Compagnia di Palestrina ha consentito di ricostruire tutte le fasi della violenza, documentando come i due indagati la sera del 10 luglio 2022, in concorso tra loro, abbiano abusato delle condizioni di inferiorità psichica di una 37enne residente nel Comune di San Cesareo, costringendola a subire atti sessuali non consenzienti.

La sera del 10 luglio, mentre la vittima era in compagnia del 32enne di Cave, veniva raggiunta dal 43enne di origine rumena che, con la complicità del primo, convinceva la donna ad andare con loro in un terreno isolato, ubicato al di sotto di un cavalcavia nei pressi di via Casilina, dove la donna veniva costretta con la forza ad assumere alcolici.

Cave. Perseguita l’ex moglie ma non vuole indossare il braccialetto elettronico: “Non sono un cane”. Arrestato 44enne

Ottenutane la sottomissione, il 43enne faceva sedere la donna su un materassino procurato per l’occorrenza, per poi abusarne, mentre il secondo indagato assisteva senza intervenire in alcun modo per soccorrerla.

Determinanti sono risultati gli elementi raccolti nell’immediatezza dei fatti dai Carabinieri di Palestrina, a cui la vittima aveva richiesto subito aiuto, così come le pronte e accurate indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Tivoli, che hanno consentito di rinvenire ulteriori elementi a conferma del racconto della ragazza.