Cronaca

Roma, duecento dipendenti Ama “guariscono” dopo i controlli degli ispettori. Sulla vicenda interviene anche il Codacons

Condividi su Facebook Condividi su Whatsapp Condividi su Telegram Condividi su Twitter Condividi su Email Condividi su Linkedin
Roma, aggrediti tre operatori dell'Ama a Castro Pretorio: denunciarono presunti furti di carburante in azienda

Roma, duecento impiegati Ama lasceranno le scrivanie per lavori più utili al decoro della città. Un recente controllo degli ispettori ha fatto emergere che le malattie, dichiarate dai dipendenti e certificati dai medici di famiglia, erano ormai superate. Così, 200 addetti sono stati ritenuti nuovamente abili al lavoro in strada.

Ama, sulla vicenda interviene anche il Codacons

Sul caso dei 200 dipendenti Ama tornati magicamente in servizio dopo essere stati classificati per anni ‘inidonei’ all’attività lavorativa, il Codacons presenta un esposto alla Procura della Repubblica di Roma per le possibili fattispecie di truffa e falso ideologico.

“Mentre la città è invasa da spazzatura e i cittadini romani, pur pagando una Tari salatissima, non ricevono il servizio di raccolta rifiuti in modo continuo e soddisfacente, un numero abnorme di dipendenti Ama se ne stava comodamente a casa ricorrendo a certificati di malattia che ne attestavano l’inidoneità al servizio – spiega il presidente Carlo Rienzi – Una condizione di impossibilità lavorativa che, tuttavia, è sparita dopo i controlli eseguiti dalla società dei rifiuti”.

LEGGI ANCHE – Roma, rudimentale ordigno incendiario sotto un’auto della Polizia: indagini in corso

“Su tale vicenda vogliamo vederci chiaro, e crediamo ci siano tutti gli estremi per un intervento della magistratura – prosegue Rienzi – Per tale motivo presentiamo un esposto in Procura in cui chiediamo di aprire una indagine per le possibili fattispecie di truffa e falsità ideologica non solo nei confronti dei 200 dipendenti scovati dall’Ama, ma anche verso i medici che hanno firmato i certificati attestanti malattie ora magicamente scomparse”.

Foto di repertorio

Benzina 1.859 €/lt Diesel 1.799 €/lt GPL 0.789 €/lt Prezzi aggiornati al 07-02-2023
Raggiungimi