Casilina News
Attualità

Coprifuoco anticipato e ipotesi Lockdown nel week-end: l’ultima idea

ASL Frosinone. Al via lo screening dei bambini con tamponi salivari. Ecco tutte le info

Nonostante il nuovo DPCM firmato qualche giorno fa dal Premier Mario Draghi, in tutta Italia potrebbero esserci altre novità che riguardano l’anticipo del coprifuoco e non solo. Prede quota l’ipotesi di un nuovo lockdown.

Lockdown e coprifuoco anticipato: evento possibile?

In Italia la curva epidemiologica continua a salire. Solo ieri si sono registrati ben 20.765 nuovi contagi e 207 persone decedute, con un tasso di positività che sale di un punto percentuale arrivando al 7,7%, percentuale più alta rispetto ai mesi scorsi.

Come abbiamo accennato diversi giorni fa, motivo per cui molte zone d’Italia stanno diventando rosse, gli scienziati sono spaventati dalle varianti che stanno circolando e che stanno risultando maggiormente “aggressive”. Nonostante siano passati pochi giorni dall’attuazione del nuovo DPCM firmato dal Governo Draghi, potrebbero esserci delle novità a breve.

Cosa riguardano queste novità? Innanzitutto una velocizzazione generale dei vaccini. L’idea dell’esecutivo è quella di vaccinare più popolazione possibile in tempi rapidi. Ad oggi siamo arrivati a 5.359.590 dosi somministrate ma, purtroppo, questo non basta. Quindi via alle alternative: potrebbe essere necessaria una stretta nei week-end, dove la gente rischia maggiormente di assembrarsi. Questo vorrebbe dire lockdown solo il fine settimana.

LEGGI ANCHE – Tiburtina, Cdq di Settecamini sollecita per conoscere lo stato d’avanzamento dei lavori dei giardinetti e sulla viabilità

Non solo questo. Da quanto trapela, infatti, si starebbe pensando di introdurre anche un coprifuoco anticipato di qualche ora. Ricordiamo che quello attuale, come previsto dall’ultimo DPCM, è fissato alle ore 22:00.

Scuole e negozi

Nelle zone rosse, attualmente, le scuole sono chiuse. Molti studenti sono tornati alla didattica a distanza. Questo non in tutta Italia però. Il Ministro Bianchi, infatti, incontrerà presto gli esperti del Cts per capire come muoversi sul fronte scuole. L’ipotesi di un ritorno a casa non è poi così lontana.

Stesso discorso per i negozi: se dovesse essere confermata l’ipotesi descritta in precedenza, le saracinesche di molte attività d’Italia dovranno abbassarsi.

Vedremo che misure prenderà il nuovo Governo.

Scrivi un Commento

20 + 12 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy