Casilina News
Cronaca

Fiuggi, animali uccisi a fucilate: papere barbaramente uccise al Lago di Canterno

fiuggi lago canterno abuso edilizio

“Uccidere a fucilate degli animali è un atto di una gravità inaudita che come amministrazione comunale condanniamo fermamente”.

Sono queste le prime reazioni del consigliere delegato all’ambiente del Comune di Fiuggi, Marco Paris, a seguito della barbara uccisione delle papere che abitano l’area protetta del Lago di Canterno.

“Nonostante il grande lavoro di controllo e prevenzione dei guardiaparco – continua il delegato Marco Paris – all’interno della riserva naturale si riescono comunque a commettere questi atti disumani, mettendo altresì a rischio l’ecosistema del nostro territorio già così fragile.

Come consigliere delegato all’ambiente di uno dei cinque Comuni rivieraschi, è mio dovere, oltre che denunciare questa violenza inaudita, proporre un maggiore controllo in questa area vastissima.

LEGGI ANCHE – Fare Verde Gruppo Fiuggi: “Si può evitare che le materie plastiche si depositino nel Lago di Canterno?”

All’ente parco e alle autorità competenti chiedo di non rimanere indifferenti dinanzi alla violenza usata contro gli animali e il territorio, cercando tutti insieme delle soluzioni per potenziare la vigilanza sull’area naturale di Canterno. Ricordo a tutti che soltanto chi assiste impassibile agli eventi è complice di essi!”.

Uccise le papere di Canterno, il Commissario della XII Comunità Montana, Achille Bellucci: “Atto di intollerabile inciviltà”

“L’uccisione a fucilate delle anatre, comunemente chiamate papere, nella riserva del Lago di Canterno è un fatto gravissimo. Lo è per l’orrore che suscita sempre la crudeltà e per lo sgomento che comporta l’assistere a gesti di assalto gratuito alla natura e alla sua bellezza. Lo è ancor di più perché questi gesti sono stati compiuti con disinvoltura all’interno di un’area protetta.

Non possiamo restare a guardare di fronte a tale barbarie. Nel confidare dunque in un’azione decisa da parte della giustizia affinché gli autori di questo gesto paghino il giusto per quanto commesso e la punizione suoni da monito nei confronti di tutti i malintenzionati, penso che tutte le autorità che hanno competenza sulla riserva, e non solo quelle, debbano mettere in atto un progetto per rendere più serrata e rigida la sorveglianza nella riserva naturale. In qualità di Commissario della XII Comunità Montana degli Ernici sono immediatamente a disposizione”.

Lo afferma il Commissario della XII Comunità Montana e presidente di Uncem Lazio, Achille Bellucci

Scrivi un Commento

tredici + dodici =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy