Casilina News
Attualità

Lazio, zona arancione. Negozi, spostamenti, seconde case, sport, ristoranti e bar. Cosa è possibile fare e cosa no

Nuovo decreto draghi le ipotesi dal 6 marzo al 6 aprile

L’Italia è nuovamente divisa in fasce di colore. Il Lazio, stando ai numeri dei contagiati da Coronavirus, rientra nella zona arancione.

Cosa è permesso fare e cosa no?

  • I negozi sono tutti aperti, mentre i centri commerciali sono aperti nei giorni feriali e chiusi nei festivi e prefestivi, tranne edicole, farmacie, parafarmacie e tabaccai all’interno dei centri commerciali stessi.
  • I parrucchieri, barbieri e centri estetici sono regolarmente aperti e funzionanti.
  • La consumazione all’interno di bar e ristoranti è vietata. Si può acquistare cibo e bevande da asporto in tutti i locali fino alle 18. Dopo le sei della sera e fino alle 22 solo dai locali con cucina. La consegna a domicilio è permessa senza limiti di orario.

LEGGI ANCHE – Vaccini Covid-19, pubblicate da AIFA le FAQ di farmacovigilanza. Tutte le domande e le risposte su eventuali effetti indesiderati e non solo

  • Non si può uscire dal proprio Comune e solo il nucleo familiare può raggiungere la seconda casa.
  • Si possono andare a trovare i parenti ma solo una volta al giorno e in massimo due persone, più figli minori di 14 anni e persone disabili o non autosufficienti conviventi.
  • Si può fare attività motoria sempre, purché sia individuale o con una distanza di almeno due metri, dalle 5 alle 22. La mascherina è sempre obbligatoria. I centri sportivi sono aperti, al contrario di palestre e piscine. In questi giorni il ministero dello Sport sta trattando con il Cts per l’approvazione delle linee guida che potrebbero consentire le lezioni individuali.

Foto di repertorio

Scrivi un Commento

tredici − 3 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy