Casilina News
Cronaca

Boccea, nasconde una pistola sotto il cuscino del letto: arrestato 29enne

boccea nasconde pistola letto

Ancora una volta Youpol, l’applicazione per smarthphone della Polizia di Stato dalla quale è possibile inviare segnalazioni, in forma anonima, di spaccio stupefacenti, episodi di bullismo, violenze in famiglia, ha permesso l’arresto di un malvivente.

Boccea, nascondeva in casa una pistola rubata

Questa volta la segnalazione descriveva la presenza di un uomo, armato di pistola, che girava a bordo di una lussuosa berlina tedesca: gli agenti della Polizia di Stato della sala operativa della Questura di Roma, sviluppando le informazioni ricevute dall’App, hanno indirizzato alcune Volanti nel quartiere Boccea.

I poliziotti, trovando già un primo riscontro dalla presenza dell’auto segnalata parcheggiata nelle vicinanze dell’abitazione del sospettato, hanno bussato alla porta di P.A, 29enne romano già noto alle Forze dell’Ordine. Sotto il cuscino di un divano-letto è stata trovata una pistola semiautomatica, marca Ruger calibro 9, completa di munizionamento e “pronta al fuoco”. L’arma, con le cautele del caso, è stata messa in sicurezza e sequestrata; già da un primo accertamento è stato riscontrato che la pistola risultava rubata circa 2 anni fa.

Durante la perquisizione del veicolo, è stato trovato un nascondiglio creato ad arte sotto il volante della berlina, ovvero nel posto esatto indicato nella segnalazione, dove l’uomo nascondeva l’arma quando usciva di casa.

P.A. è stato arrestato per la detenzione illegale dell’arma e ricettazione.

L’App Youpol, è entrata orami nel quotidiano della Questura di Roma da più di 3 anni; tra le altre funzioni c’è la possibilità di trasmettere in tempo reale messaggi ed immagini agli operatori della Polizia di Stato. È inoltre possibile dall’App chiamare direttamente il 112 NUE e, dove non fosse ancora attivo, risponderà la sala operativa 113 della Questura. Per chi non vuole registrarsi fornendo i propri dati, è prevista la possibilità di fare segnalazioni in forma anonima. Anche chi è stato testimone diretto o indiretto – per esempio i vicini di casa –  può denunciare il fatto all’Autorità di polizia.

La stessa consente alle donne segregate in casa dal contenimento pandemico di chiedere soccorso, anche in forma anonima, sia con i messaggi di testo che con immagini consentendo la geolocalizzazione della vittima o del segnalante il quale può richiedere aiuto direttamente alla Sala Operativa della Questura di residenza.

LEGGI ANCHE – Spaccia a Boccea, ma la perquisizione nella sua casa di Casale Lumbroso fa rinvenire altra droga e 4000 euro in contanti

L’applicativo si può scaricare gratuitamente ed è disponibile per dispositivi Ios e Android.

Nel 2020, nella sola Questura di Roma, sono state registrate 54 segnalazioni di violenza domestica, 434 per droga, 96 di bullismo ed altre 932 per varie situazioni.

Scrivi un Commento

4 − 3 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy