Casilina News
Cronaca

Frosinone, finta broker prometteva elevati guadagni tramite investimenti finanziari: smascherata la truffa

Frosinone, finta broker promette facili ed elevati guadagni tramite investimenti finanziari: smascherata la truffa

Si fingeva broker, promettendo il raddoppio delle somme di denaro investite in prodotti finanziari, ma non restituiva né il capitale, né i promessi investimenti.

La truffa

La falsa broker – una donna 40enne di origine rumena, abitante a Frosinone – si spacciava per una professionista di successo, in grado di assicurare investimenti molto redditizi, millantando conoscenze altolocate nel mondo politico e finanziario, ma anche una vicinanza ad ambienti malavitosi: in tal modo, riusciva a carpire la fiducia dei clienti, che le affidavano i propri risparmi senza tuttavia ottenere né i guadagni né la restituzione del denaro investito.

A scoprire la truffa sono stati i Finanzieri della Tenenza di Arce, congiuntamente con i Carabinieri della Compagnia di Frosinone, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, i quali, partendo dalla denuncia presentata da alcune vittime della finta broker, sono riusciti a ricostruirne il modus operandi e il giro di affari.

Le indagini

In particolare, le indagini condotte hanno consentito di rilevare che la finta broker, con la complicità di una coetanea cittadina italiana, abitante a Ceprano, contattava i potenziali clienti, incontrandoli presso luoghi inusuali per un’attività di intermediazione finanziaria, quali bar, ristoranti ovvero presso esercizi commerciali, riuscendo a farsi consegnare somme di denaro che, a suo dire, investite in prodotti finanziari, avrebbero determinato lauti guadagni, senza tuttavia far sottoscrivere o consegnare alcuna polizza ovvero documentazione comprovante l’investimento.

Alcune persone truffate, in realtà, inizialmente ricevevano piccole somme di denaro, variabili da 400 a 500 euro a titolo di interesse, ed invogliate dalla possibilità di ulteriori guadagni, consegnavano alla finta broker somme di denaro sempre più consistenti, fino a perdere tutto il capitale in quanto mai restituito.

In altri casi, a fronte delle rimostranze dei clienti finalizzati all’ottenimento degli interessi e alla restituzione del capitale, la finta broker chiedeva ulteriori somme di denaro necessarie, a suo dire, a svincolare il capitale precedentemente investito.

LEGGI ANCHE – Ceprano e Ausonia, in arresto per furto un 43enne e denunciata una donna per truffa

La complessiva attività investigativa condotta dai Carabinieri della Stazione di Frosinone e dai Finanzieri di Arce ha consentito di individuare circa 40 persone vittime del raggiro della finta broker, costituite da pensionati, casalinghe, professionisti e imprenditori, e di quantificare l’ammontare della truffa in circa 1 milione di euro.

Scrivi un Commento

diciannove − diciotto =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy