Casilina News
Cronaca

Atina, Ferentino, Ripi e Villa Santa Lucia: vari i reati commessi in Ciociaria

Atina, Ferentino, Ripi e Villa Santa Lucia: vari i reati commessi in Ciociaria

Proseguono i controlli in Ciociaria. Di seguito, alcune delle operazioni dei Carabinieri.

I fatti

Ad Atina, i militari della locale Stazione, a conclusione di attività di indagine scaturita da una querela presentata nel mese di novembre dello scorso anno da una 32enne del luogo, hanno deferito in stato di libertà per il reato di “truffa informatica”, una 42enne residente nella provincia di Pistoia. L’attività investigativa ha permesso di appurare che la denunciante al fine di acquistare online un capo di abbigliamento posto in vendita dalla 42enne su un noto sito internet, versava a quest’ultima mediante ricarica su carta postepay la somma pattuita di euro 55, senza però ricevere la merce;

­A Villa Santa Lucia, i militari della Stazione di Piedimonte San Germano, nel corso di predisposti servizi del controllo del territorio tesi alla prevenzione e repressione di reati predatori, hanno intercettato e controllato un’autovettura che si aggirava per le vie di quel centro, condotta da un 36enne di Cassino (già censito per stupefacenti). Al momento del controllo lo stesso non forniva valida giustificazione della sua presenza in loco, pertanto ricorrendo i presupposti di legge, veniva proposto per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Villa Santa Lucia per anni tre.

A Ripi, i militari della locale Stazione, hanno sanzionato amministrativamente per il “mancato rispetto delle misure di contenimento di cui all’art.4 co.5 D.L. 19/2020” un 38enne campano (già censito per reati contro il patrimonio), sorpreso mentre effettuava commercio ambulante per le vie di quel centro in violazione al divieto di allontanarsi dalla regione di residenza. Nei suoi confronti, ricorrendo i presupposti di legge, è stata altresì avanzata la proposta per l’applicazione del “foglio di via obbligatorio” con divieto nel Comune di Ripi.

LEGGI ANCHE – Sant’Apollinare, vendono un bar di proprietà di una persona all’oscuro di tutto per 28mila euro: responsabili della truffa due persone di Cassino e una di Cervaro

A Ferentino, i militari della locale Stazione, in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone hanno tratto in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari, una 60enne del luogo (già censita per stupefacenti), dovendo la stessa espiare la pena di anni 1 e mesi 8 di reclusione per reati di “detenzione illecita di stupefacenti” commessi in Ferentino nel 2018.

Scrivi un Commento

1 × due =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy