Casilina News
Attualità

Scattare foto di nascosto alle persone è reato: lo conferma la Cassazione dopo il caso di un uomo indagato per molestie

roma arrestato 25enne per pedopornografia

La Cassazione ha stabilito che scattare foto e girare video inquadrando persone senza il loro consenso è reato.

La notizia

La notizia arriva dopo che la Corte di Cassazione ha confermato il sequestro dello smartphone di un uomo che era stato sorpreso a fotografare una donna, senza il suo consenso. Era stato quindi indagato per molestie.

LEGGI ANCHE – I nipoti devono essere risarciti per la morte dei nonni anche se non conviventi. La Cassazione dà ragione a due ragazzi che avevano perso la nonna paterna per una “colpa medica”

Il reato di molestie scatta nel momento in cui avvengono vengono messi in atto comportamenti “astrattamente idonei a suscitare nella persona direttamente offesa, ma anche nella gente, reazioni violente o moti di disgusto o di ribellione, che influiscono negativamente sul bene giuridico tutelato che è l’ordine pubblico”.

In questo specifico caso, per i giudici della Corte di Cassazione, vi è stata interferenza nella vita privata del cittadino.

Attenzione, quindi, anche ai contenuti di questo genere che vengono postati sui social.

FOTO DI REPERTORIO

Scrivi un Commento

otto − sette =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy