Casilina News
Attualità

I nipoti devono essere risarciti per la morte dei nonni anche se non conviventi. La Cassazione dà ragione a due ragazzi che avevano perso la nonna paterna per una “colpa medica”

I figli non devono mai trascurare i genitori. Si rischia una condanna penale se non si assistono anche economicamente mamma e papà

Chi può dire che i nonni non siano una figura fondamentale per i nipoti e che l’intensità dell’affetto dipenda solo dalla convivenza con questi? Al contrario, in un momento storico in cui stiamo perdendo tanti anziani, comprendiamo forse ancor di più l’importanza dei nostri cari ascendenti.

Il parere della Cassazione

E non è forse un caso che con l’ordinanza 7743 pubblicata l’8 aprile 2020 la Cassazione Civile – per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” – si sia espressa per ritenere giusto il diritto al risarcimento del danno da perdita parentale anche nei confronti dei nipoti non conviventi.

Nella fattispecie, è stato accolto il ricorso dei familiari di una donna morta a causa di un errore medico, ed in particolare in seguito a una perforazione intestinale. La Corte d’Appello di Genova aveva escluso i nipoti dal diritto al risarcimento per carenza del requisito della convivenza, in quanto l’anziana aveva la residenza altrove, nonostante vi fosse in atti che la donna aveva sempre fatto loro da baby-sitter, pur risiedendo in un altro Comune.

Una condizione, quella della convivenza che neanche per i Giudici della terza sezione civile della Suprema Corte è fondante, al contrario della forza del legame affettivo che costituisce l’elemento essenziale ai fini del riconoscimento del suddetto diritto.

LEGGI ANCHE – Covid-19, come seguire stili di vita corretti anche restando in casa: consigli su sport e alimentazione per adulti e bambini

In tal senso, sulla scorta di recenti precedenti di legittimità “in caso di domanda di risarcimento del danno non patrimoniale da uccisione, proposta iure proprio dal congiunti dell’ucciso, questi ultimi devono provare la effettività e la consistenza della relazione parentale, rispetto alla quale il rapporto di convivenza non assurge a connotato minimo di esistenza, ma può costituire elemento probatorio utile a dimostrarne l’ampiezza e la profondità, e ciò anche ove l’azione sia proposta dal nipote per la perdita del nonno; infatti, non essendo condivisibile limitare la società naturale, cui fa riferimento l’art. 29 Cost., all’ambito ristretto della sola cd. famiglia nucleare, il rapporto nonni-nipoti non può essere ancorato alla convivenza, per essere ritenuto giuridicamente qualificato e rilevante, escludendo automaticamente, nel caso di non sussistenza della stessa, la possibilità per tali congiunti di provare in concreto l’esistenza di rapporti costanti”.

Scrivi un Commento

due × cinque =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy