Casilina News
Cronaca

Piazza Venezia, brutale aggressione di un senza tetto ai danni di una donna senza fissa dimora: per l’uomo si sono aperte le porte del carcere

Piazza Venezia. In stato di ebbrezza e in pieno coprifuoco, finge di essere stato investito da un bus

Roma, Piazza Venezia: lite nella notte tra senza fissa dimora, uomo perde le staffe e aggredisce brutalmente una donna prendendola a calci in faccia. Arrestato dai Carabinieri.

I fatti

Un’aggressione estremamente violenta, con tanti e poderosi calci dati al volto di una donna che è rimasta a terra, sui sampietrini di piazza Madonna di Loreto. A scatenare la furia cieca, un cittadino romeno di 68 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con numerosi precedenti alle spalle, arrestato dai Carabinieri del Comando Roma piazza Venezia e dell’8° Reggimento “Lazio” con l’accusa di lesioni personali gravi.

LEGGI ANCHE – Roma, fermati ben 21 pusher per possesso e spaccio di droga in tutta la Capitale: zone San Paolo, San Basilio, Esquilino, Tor Bella Monaca, Celio e Flaminio

Ancora non si comprendono i motivi alla base di tanto accanimento sulla vittima, su questo particolare stanno ancora cercando di fare piena luce gli uomini dell’Arma, che, due notti fa, sono stati allertati da un passante che aveva assistito alla scena.

I militari, arrivati sul posto, hanno trovato la donna ancora sdraiata sul selciato, cosciente ma gravemente ferita al volto, e il suo aggressore seduto poco lontano, in evidente stato di ebbrezza, come se nulla fosse accaduto, ma con le scarpe ancora macchiate di sangue.

La priorità è stata far arrivare sul posto il personale sanitario per prestare le prime cure alla vittima, una donna al momento rimasta senza identità perché sprovvista di documenti, di un’età stimata tra i 35-40 anni, carnagione olivastra – con ogni probabilità cittadina straniera – verosimilmente anche lei una senza fissa dimora. Per lei è stato necessario il ricovero all’ospedale “Santo Spirito”, dove si trova tuttora, per la frattura delle ossa nasali e varie ferite e contusioni al volto, con una prognosi di 40 giorni.

I Carabinieri hanno tentato di parlarle, ma la donna non ha mai risposto: non si capisce se fosse una conseguenza delle botte prese al volto e alla testa o se non comprendesse la nostra lingua. I militari si stanno adoperando per dare un nome alla donna grazie ad una serie di accertamenti incrociati e alle sue impronte digitali.

Nel frattempo, il suo aggressore è stato ammanettato e portato, prima, nella vicina caserma di piazza Venezia, poi direttamente nel carcere di Regina Coeli, dove rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

FOTO DI REPERTORIO

Scrivi un Commento

sette − 5 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy