Casilina News
Cronaca

Ceprano, vendevano falsi capi d’abbigliamento online: sventata maxi truffa

Filettino, vanta un presunto credito nei confronti del datore di lavoro: lo minaccia e devasta il cantiere

A Ceprano, i Carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà per il reato di “truffa in concorso” due 34enni, entrambi originari della provincia di Napoli e già censiti per reati contro il patrimonio ed un 49enne originario dello Sri Lanka, incensurato.

LEGGI ANCHE: Roma e Ceprano, cinghiali temerari e altri animali selvatici in strada: l’effetto della quarantena

Le indagini svolte dai militari consentivano di accertare che i predetti, dopo aver fondato tre fantomatiche società, tramite degli annunci su un noto social network promuovevano la vendita di capi di abbigliamento griffati a prezzi vantaggiosi, inducendo 21 persone residenti in varie regioni d’Italia ad acquistare la merce.

I Carabinieri di Ceprano hanno così riunito tutte le denunce delle vittime ed hanno ricostruito la condotta dei 3 denunciati. Gli ignari acquirenti, dopo aver accreditato il denaro sulle carte Postepay intestate agli indagati, ricevevano il pacco tramite corriere ma, con rammarico, constatavano che la merce era completamente diversa da quella ordinata e di scarsissimo valore, verosimilmente proveniente dal mercato cinese.

Le vittime quindi, sentendosi raggirate, provavano a contattare i malviventi, i quali, dopo aver eliminato le società dalla piattaforma, si rendevano irreperibili, per un danno patrimoniale complessivo di oltre 4000 euro.

Scrivi un Commento

19 − 17 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy