Casilina News
Attualità

Fiuggi, bonifica delle aree boschive e dei percorsi ciclopedonali naturalistici (FOTO)

Continua l’azione di bonifica delle aree boschive e dei percorsi ciclopedonali naturalistici. L’amministrazione comunale – ufficio ambiente – e la società Diodoro Ecologia – gestione servizi d’igiene urbana – stanno mettendo in campo tutti gli strumenti a disposizione per la rimozione dei rifiuti abbandonati presso le zone verdi.

A seguito dell’azione messa in campo lo scorso 16 dicembre, con la pulizia di San Lorenzo, nel vasto territorio tra Fiuggi e Acuto, gli operatori della società di gestione del servizio raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani si sono messi al lavoro nel grande polmone verde della città che si estende tra il bosco San Lorenzo, il percorso natura tra le due Terme e via Armando Diaz.

Fiuggi, bonifica a boschi e percorsi ciclopedonali naturalistici

“Anche in questo caso – hanno spiegato il sindaco Baccarini e il consigliere delegato all’ambiente Marco Paris, tramite una nota congiunta – la società Diodoro Ecologia ha provveduto alla rimozione e smaltimento di cumuli di rifiuti abbandonati. A poco più di un mese dalla precedente bonifica e a poche settimane dall’operazione dei Carabinieri di Fiuggi, agli ordini del comandante De Somma, che hanno scoperto il responsabile di abbandono di rifiuti nei pressi della superstrada Anticolana, un’altra importante azione a salvaguardia del nostro territorio è andata a buon fine. La società Diodoro Ecologia farà tutti gli sforzi possibili per continuare la completa pulizia dei boschi, mentre l’amministrazione comunale – tramite la nostra Polizia locale – i Carabinieri e la Forestale continueranno a svolgere un’azione preventiva e repressiva dei reati ambientali che negli anni hanno deturpato il paesaggio della Valle Anticolana.

LEGGI ANCHE – Fiuggi, la Polizia Locale si dota di spray al peperoncino. Brevettati anche strumenti per monitorare meglio le infrazioni al codice della strada

Ma non basta. Saremo impegnati in prima linea al fine di diffondere quella cultura ambientale indispensabile ad evitare danni ingenti al nostro ecosistema e costi enormi per la collettività”.

Scrivi un Commento

cinque × cinque =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy