Casilina News
Cronaca

Ceprano, simula di aver subìto il furto dell’auto: c’era un fermo amministrativo di Equitalia. Nei guai anche un 30enne di Coreno Ausonio per trasporto non a norma di cornetti

Anche nella sfera giurisdizionale del Comando Compagnia carabinieri di Pontecorvo, continuano incessanti i servizi preventivi ed attuati dai relativi reparti dipendenti, al fine di contrastare la commissione dei reati contro la persona ed il patrimonio oltre che per garantire maggiori standard di sicurezza ai cittadini.

I fatti

LEGGI ANCHE – Ceprano, fuga ad alta velocità conclusa a Pico: rinvenuti orologi e monili d’oro e d’argento in un’Audi

Tali attività, difatti, hanno permesso nella giornata di ieri, a Ceprano, al personale del locale Comando Stazione Carabinieri, di deferire in stato di libertà, alla competente A.G., un  41enne di nazionalità rumena e  residente nel predetto comune (e già gravato da vicende penali per reati contro il patrimonio), poiché resosi responsabile del reato di “simulazione di reato”.

Nello specifico, il predetto,  in data 10 dicembre  u.s., , denunciava  presso  il Comando Arma di Ceprano il subito furto della propria autovettura, asserendo nel corso dell’atto di denuncia , di averla regolarmente chiusa a chiave e che la stessa era assicurata contro il furto.

La speditiva attività investigativa posta in essere dai militari operanti, consentiva di verificare e di appurare che l’uomo aveva simulato  l’avvenuto furto per questioni legate ad un fermo amministrativo del veicolo da parte di “Equitalia”.

A Coreno Ausonio, invece…

Inoltre, nel corso della predetta attività preventiva, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Pontecorvo, nell’ambito di un servizio per la circolazione stradale, procedevano al controllo di un furgone condotto da un 30enne residente a Coreno Ausonio, appurando che lo stesso trasportava dei “cornetti” in un contenitore senza coperchio e non idoneamente  confezionati oltre che in completa assenza delle previste norme igieniche sul trasporto degli alimenti.  Nel medesimo contesto, quindi, al conducente veniva contestata la violazione amministrativa per un importo pari ad Euro 1.000.

Foto di repertorio

Scrivi un Commento

1 × due =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy