Casilina News
Attualità

Richiamato dal mercato un lotto di salame: rischio salmonella

Listeria, il ministero della Salute richiama il salame morbido: "Rischio microbiologico, non mangiatelo"

Il Ministero della Salute ha richiamato dal mercato un lotto di salame della marca MACELLERIA PERUCCHETTI GIUSEPPE & C SNC, presente in vari punti vendita italiani, per rischio microbiologico. Il prodotto è risultato positivo alle analisi per la ricerca di Salmonella. Nello specifico, il richiamo del dicastero riguarda la confezione di cozze sgusciate da da 400/500 grammi di salame (lotto B 03-10-19), prodotta da PERUCCHETTI GIUSEPPE & C SNC nello stabilimento di Gardone Val Trompia BS, in provincia di Brescia.

È possibile riconoscere il lotto interessato dal richiamo anche dalla data di scadenza: marzo 2021. Il ministero della Salute invita chi ha acquistato il prodotto a non consumarlo e a riportarlo nel punto vendita in cui l’ha comprato per richiederne la sostituzione. Si ricorda che l’autorità, in questo caso il Ministero della Salute, può anche stabilire la revoca del ritiro e del richiamo dei prodotti.

LEGGI ANCHE: Acqua Nestlé Vera Naturae, revoca del richiamo del prodotto San Pellegrino per analisi conforme presso l’ISS

Che cos’è la salmonella? Il batterio del genere salmonella, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è il più comunemente isolato nei casi di infezioni trasmesse dagli alimenti. È presente in natura con oltre 2000 varianti, anche se i ceppi più diffusi nell’uomo sono la “salmonella enteritidis” e la “salmonella typhimurium”. È possibile suddividere le infezioni provocate da questo agente batterico in due forme: tifoidee e non tifoidee. Le prime, come suggerisce il nome, provocano nell’uomo la febbre tifoide, mentre le secondo sono una delle cause più frequenti di intossicazioni alimentari nel mondo industrializzato.

I principali veicoli di infezione sono l’acqua e i cibi contaminati. Gli alimenti considerati più a rischio, come indicato dall’Istituto Superiore di Sanità, sono le uova crude o poco cotte e i loro derivati; il latte crudo e i suoi derivati; la carne, soprattutto se poco cotta, e i suoi derivati; le salse e i condimenti per le insalate; i preparati per dolci e creme; la frutta e la verdura contaminate durante il taglio.

I principali sintomi dell’infezione da salmonella sono i disturbi del tratto gastrointestinale come il dolore addominale, la nausea, il vomito e la dissenteria, che possono anche essere accompagnati dalla febbre. Lo “Sportello dei Diritti” fa notare che l’avviso online del ministero della Salute arriva oggi 20 dicembre, ben 21 giorni (29-11-2019) dopo la data della comunicazione del richiamo del lotto interessato dall’allerta, quando ormai il richiamo è inutile perché si presume che il prodotto sia stato già consumato o buttato, quantomeno nella maggior parte dei casi. Ci si può fidare del nostro sistema di allerta sanitario se i richiami alimentari arrivano con notevole ritardo?