Casilina News
Cronaca

Roma, investite due 16enni nella notte a Corso Francia: travolte da un 20enne sulla Flaminia

Allerta meteo Lazio Stasera 16 settembre domani 17 settembre 2021 maltempo

Un tragico incidente è avvenuto nella notte tra sabato 21 dicembre 2 domenica 22 dicembre 2019 a Roma. Il sinistro è avvenuto all’altezza di via Flaminia Vecchia, a Corso Francia. Due ragazze 16enni sono state investite da 20enne.

Notte tragica a Roma

LEGGI ANCHE – Roma e dintorni: alberi caduti e strade chiuse a causa del maltempo di oggi

Quest’ultimo, appena accortosi di quanto avvenuto, è subito sceso dall’auto per prestare i dovuti soccorsi. L’episodio è avvenuto intorno all’una di mattina: le giovani sono morte sul colpo. Violento nubifragio in corso e strada bagnata proprio nel momento in cui è avvenuta la collisione.

Ancora un sabato sera che genera vittime. Sono due le ragazze investite in Corso Francia nella notte. Le giovani stavano attraversando la strada a scorrimento veloce quando è accaduto l’incidente. Ancora da stabilire l’esatta dinamica del sinistro. Sta di fatto che alla guida dell’auto che le ha travolte c’era un 20enne, che si è prontamente fermato per soccorrere le giovani.

Dopo l’arrivo delle forze dell’Ordine e dei soccorsi, il ragazzo è stato sottoposto ai test di rito per la verifica della presenza di alcol e sostanze stupefacenti all’interno del suo corpo. Sono infatti in corso gli accertamenti per ricostruire i fatti. Probabile che la forte pioggia di ieri abbia influito sulla già scarsa visibilità. Al momento dell’incidente, su Corso Francia era in atto un temporale.

Impatto mortale

L’impatto, purtroppo, non ha lasciato scampo alle 16enni. Appena giunti sul posto, i sanitari del 118 non hanno potuto far altro che constatare il decesso delle ragazze. Il 20enne, figlio di un noto regista, sarebbe indagato per omicidio stradale. Resta da appurare se le due giovani avessero attraversato sulle strisce pedonali, se il giovane andasse a velocità moderata e avesse rispettato la segnaletica. Sarà compito degli inquirenti far luce su tutto. Di seguito, il commento del Codacons in merito a quanto avvenuto e la situazione degli incidenti.

ROMA, DUE RAGAZZE INVESTITE E UCCISE A PONTE MILVIO

CODACONS: ROMA E’ “GIUNGLA STRADALE”. PROCURA ACCERTI CONTROLLI ESEGUITI SU STRADE DA PARTE DELLE FORZE DELL’ORDINE

CONDIZIONI DISASTROSE DELL’ASFLATO E STRISCE INVISIBILI INCREMENTANO INCIDENTI

 Ancora una grave incidente stradale a Roma che ha causato la morte di due ragazze investite a Ponte Milvio. Un episodio che porta alla ribalta la questione della sicurezza stradale nella capitale.

“Roma è una vera e propria “giungla stradale” dove regna oramai l’anarchia e il rispetto delle regole del Codice della strada è sempre più un miraggio – spiega il presidente Carlo Rienzi – A dirlo sono i numeri ufficiali su incidenti, morti e feriti registrati sulle strade della capitale: il 2018 si è chiuso con un bilancio tragico di 143 morti a Roma, di cui oltre un terzo (57 vittime) sono proprio pedoni. Non va meglio nel 2019: solo nei primi 11 mesi dell’anno, e solo nell’area urbana della città (escluso Gra e zone oltre il Gra) gli incidenti sono stati 27.000, con 111 vittime e 12.568 feriti“.

“L’elevato numero di incidenti stradali a Roma è determinato da un lato dall’assenza di controlli da parte delle forze dell’ordine, che porta gli automobilisti a trasgredire in modo sistematico le regole, certi di non incorrente in sanzioni, dall’altro dal peggioramento delle condizioni dell’asfalto e dalla segnaletica inadeguata, come le strisce pedonali invisibili in molte zone della città – prosegue Rienzi – Per tale motivo chiediamo alla Procura di estendere le indagini sulla tragedia di Ponte Milvio, verificando eventuali responsabilità per concorso dell’amministrazione comunale e accertando quanti e quali controlli stradali siano stati eseguiti dalle forze dell’ordine ieri nella zona teatro dell’incidente”.

Foto di repertorio

Scrivi un Commento

1 × quattro =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy