Casilina News
Cronaca

Acilia e Ostia, controlli “stupefacenti”: quattro arresti per spaccio di droga

Dragona, rapinatore seriale degli ultimi giorni finalmente scoperto: il giovanissimo ha inoltre aggredito 5 persone

I Carabinieri di Ostia hanno intensificato i servizi di controlli preventivi e repressivi, con l’ausilio anche dei reparti della linea mobile e delle unità cinofile di Ponte Galeria. Nel corso dei posti di controllo sono state identificate 136 persone e controllati 68 veicoli; nel medesimo contesto un giovane è stato segnalato all’Ufficio Territoriale del Governo di Roma quale assuntore di sostanze stupefacenti.

ACILIA, CONTROLLI DEI CARABINIERI

LEGGI ANCHE – Acilia, 31enne ubriaco prende a calci e pugni i militari: necessario lo spray al peperoncino

Al termine di uno specifico servizio antidroga, i Carabinieri di Acilia hanno arrestato un 29enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari avevano notato un insolito andirivieni di persone dalla sua abitazione e dopo un accurato monitoraggio della zona hanno deciso di far scattare un controllo. Nell’abitazione sono stati rinvenuti quasi 1 etto di droga, fra hashish e marijuana, immediatamente sequestrati. Il pusher è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

Sempre ad Acilia, i Carabinieri hanno rintracciato e arrestato, su disposizione del Tribunale di Roma, un 47enne pregiudicato. L’uomo, condannato in via definitiva per reati in materia di sostanze stupefacenti, contro la persona ed il patrimonio, dovrà scontare quasi 2 anni di reclusione.

IN MANETTE 4 PERSONE

Agli arresti domiciliari è finito anche un 69enne napoletano, residente ad Ostia. L’uomo è stato accompagnato dai Carabinieri presso la propria abitazione, dove dovrà scontare un anno di reclusioni per reati contro l’amministrazione della giustizia.

I Carabinieri di Ostia, su disposizione del Tribunale di Velletri, hanno rintracciato ed arrestato una 46enne residente ad Ostia. La donna, condannata in via definitiva per reati contro il patrimonio, è stata tradotta presso la casa circondariale Rebibbia di Roma, dove dovrà scontare 3 anni di reclusione.

Foto di repertorio

Scrivi un Commento

16 + sette =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy