Casilina News
Tailorsan
Cronaca

Prenestino, Casilino, Tufello e Tiburtino: 10 persone arrestate e sequestrate circa diecimila dosi di droga

Nel corso di mirati servizi predisposti per il contrasto dello spaccio in alcune zone della capitale, personale della Sesta Sezione “Contrasto al Crimine diffuso” della Squadra Mobile della Questura di Roma, ha tratto in arresto 10 cittadini italiani, colti in flagranza del reato di detenzione finalizzata allo spaccio in diverse zone della Capitale.

Nella serata del 03 ottobre, nel corso di un’operazione di polizia giudiziaria condotta nel quartiere Casilino, a finire in manette è stato un romano di 26 anni, colto nella detenzione di circa gr. 103 grammi di  hashish all’interno del proprio appartamento in zona.

Nello stesso quartiere, qualche giorno dopo, a finire sotto l’occhio attento dei Falchi è stato un giovane di 20 anni. Lo stesso,  sottoposto a controllo su strada, ha mostrato immediatamente segni di nervosismo, insospettendo i poliziotti. A seguito di perquisizione personale, sono stati rinvenuti 33.19 grammi di hashish, divisi in dosi, oltre a denaro contante in banconote di piccolo taglio. Estendendo la perquisizione presso l’abitazione del soggetto, oltre al rinvenimento di ulteriori 17 grammi, 65 ripartiti in diversi involucri, sono stati rinvenuti circa  20 grammi di cocaina.

Il 10 ottobre, ad essere passato al setaccio è stato il quartiere del Tufello dove, anche con l’ausilio di unità cinofile, sono stati tratti in arresto due ragazzi romani, per la detenzione di circa 130 grammi di sostanza stupefacente del tipo marjuana.

Il giorno dopo una pattuglia moto montata dei Falchi, percorrendo via Monopoli, notando uno scambio tra due soggetti, apparso sospetto, li ha sottoposti a perquisizione personale. Per il cedente è scattato l’arresto in flagranza del reato di detenzione finalizzato allo spaccio, mentre l’acquirente è stato sanzionato in via amministrativa ai sensi del Testo Unico sugli stupefacenti e deferito al Prefetto di Roma.

Nel corso di un’ operazione di polizia giudiziaria volta al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere Casilino, nella serata del 12 ottobre, personale dipendente notava diverse persone addentrarsi, per poi riuscirne, all’interno del parco, nei pressi di un bar. Insospettiti da questo andirivieni di persone, i Falchi decidevano di effettuare un servizio di osservazione. Dopo pochi minuti l’attenzione dei poliziotti, ricadeva su un giovane scorto chinarsi per prelevare qualcosa sotto la panchina sulla quale era seduto. Perquisito, lo stesso veniva trovato in possesso di 21 involucri di plastica contenente cocaina, per un peso complessivo di 7.51 grammi.

Nella giornata del 14, invece, alle 16.00 circa, nell’ambito di un servizio teso al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere “Prenestino” i poliziotti dei Falchi hanno sottoposto a perquisizione personale un 30enne sospettato di detenere, presso la propria abitazione e presso la propria attività lavorativa, sostanza stupefacente. Ed in effetti, presso l’appartamento intestato alla compagna, sono stati rinvenuti dagli agenti  699 grammi di cocaina, oltre a materiale idoneo al confezionamento dello stupefacente.

Nel pomeriggio del 16 , nell’ambito di un servizio teso al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti dello stesso quartiere, i poliziotti si sono appostati all’esterno di una attività commerciale  ubicata in via dei Furi,  per il sospetto che un trentenne svolgesse un attività di spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo un servizio di osservazione e pedinamento i Falchi decidevano di controllare il soggetto e procedere a perquisizione dell’abitazione che permetteva di rinvenire e sequestrare quattro involucri di cellophane contenenti 217 grammi di hashish e materiale idoneo al confezionamento.

Nel pomeriggio del 18 ottobre, a seguito di perquisizione domiciliare nei confronti di un trentaduenne, i poliziotti della Squadra Mobile hanno rinvenuto e sequestrato 170 grammi di marjuana, 64 grammi hashish e 15 grammi di cocaina. Il romano è stato arrestato in flagranza del reato di detenzione di stupefacente finalizzata allo spaccio e, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, associato presso le camere di sicurezza della Questura in attesa dell’udienza di convalida.

Nella serata del 18 ottobre, l’intensificazione delle azioni di contrasto allo spaccio, sono state condotte nel quartiere “Tiburtino“, dove i poliziotti, in via Pietralata, hanno notato una persona ferma a bordo di un motoveicolo. Insospettiti dall’atteggiamento di tale individuo, la persona è stata sottoposta a controllo di polizia e successivamente perquisito. Indosso, lo stesso teneva celati 130 grammi di marjuana e 41 grammi di hashish. Anche per l’uomo è scattato l’arresto in flagranza di reato, per la detenzione di stupefacente finalizzata allo spaccio.

Leggi anche – Tiburtino, furti all’università: distraeva gli studenti chiedendo informazioni e gli rubava il cellulare

In totale, la sostanza stupefacente sequestrata, sottoposta alle successive analisi tecnico qualitative, è risultata idonea a preparare circa 1600 dosi di hashish, 4000  dosi di cocaina e oltre 2000 dosi di marijuana.

Quelli sopra descritti sono i risultati dell’intensificazione dei servizi finalizzati al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti che i Poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Roma hanno da tempo intrapreso, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, per arginare e combattere tale fenomeno, più evidente nei quartieri più periferici della città.

Foto in galleria

Scrivi un Commento

3 × 1 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy