Casilina News
Tailorsan
Attualità

Esquilino, Palazzo occupato. Medicina Solidale: “Stare dalla parte dei più deboli non significa difendere l’illegalità”

In un anno accolte e visitate oltre 10mila persone negli ambulatori di strada della periferia di Roma grazie a Medicina Solidale
Medicina Solidale ha voluto dire la sua in merito al gesto dell’Elemosiniere del Papa che sta facendo discutere in queste ultime ore:
“È triste dovere costatare che per la campagna elettorale delle prossime europee si tenti di trasformare un gesto di solidarietà e speranza in un atto illegale. Certamente l’Elemosiniere del Papa non ha bisogno della nostra difesa, ma dobbiamo sottolineare che da sempre è al fianco di chi si occupa degli invisibili nella nostra città. Centinaia di bambini, donne e anziani che vivono dimenticati dalle istituzioni e se gli va bene in stabili di cemento, altrimenti sotto baracche di cartoni e di lamiera”.
E’ quanto dichiara LUCIA ERCOLI, direttore dell’associazione MEDICINA SOLIDALE.
“Medicine, cibo, vestiario e denaro – aggiunge ERCOLI – che ogni giorno ci arrivano dall’Elemosineria per i più fragili che incontriamo nei quartieri di Roma e nei nostri ambulatori di strada e nelle occupazioni. Questo certo non significa sostenere l’illegalità, ma aiutare chi soffre ed è più debole”.
“Occorre – conclude ERCOLI – recuperare il senso del giusto e del vero per il bene della nostra città. Ci domandiamo dove sono state le istituzioni che dovrebbero tutelare la salute e l’integrità di tanti bambini che vivono nelle strade, nelle occupazioni e nei campi improvvisati. La campagna elettorale non può permettersi, in un paese democratico, di tritare letteralmente come uno schiacciasassi i diritti di minori italiani e stranieri che sopravvivono nella Capitale del Cristianesimo”.

Scrivi un Commento

9 − otto =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy