Casilina News
Tailorsan
Cultura

Gavignano, la rinascita del Museo della Civiltà Contadina fiore all’occhiello di una intera comunità

E’ un bilancio tutto in positivo quello dei primi mesi di riapertura del Museo della Civiltà Contadina di Gavignano. La ripresa delle attività ha consentito alla Proloco, che gestisce il Museo da anni, la realizzazione di molte manifestazioni e fra queste anche il ritorno degli studenti. La visita didattica degli alunni delle scuole va ad arricchire ulteriormente le già numerose ed encomiabili attività messe in campo per il Museo. E proprio il resoconto di una visita didattica lo ha tracciato la vicepresidente della Proloco Emanuela Gagliarducci, che, insieme ad un affiatato gruppo di appassionati della memoria storica gavignanese, promuove numerose attività culturali per il paese. Di seguito il comunicato sulla iniziative svolte:

“Dopo quattro anni di chiusura forzata a causa di lavori di ristrutturazione avviati all’interno del Palazzo di Corte, il Museo della Civiltà Contadina, dal giorno della inaugurazione 9 dicembre 2018, è tornato a nuova vita più bello e ancora più ricco di storia da raccontare; più capace di prima di trasmettere ai visitatori e ai giovani delle scuole una narrazione emozionante ed avvincente di tempi passati ancora vivi nei ricordi di molti. Un piccolo ma significativo gioiello da preservare.

Lo scorso lunedì 29 aprile, per la prima volta dopo anni, sono tornate le scuole. I bambini vivaci, interessati e attenti che hanno realizzato la pasta fatta con le loro mani nel laboratorio dei “Maccaruni” della Proloco di Gavignano e la stampa di un cartoncino ricordo nella sezione “Scuola Tipografica” del Museo della Civiltà Contadina.

Le esperienze laboratoriali e di visita guidata del museo, hanno soddisfatto la curiosità degli alunni, la voglia di fare e il desiderio di conoscenza. I bambini hanno interagito con le guide che li hanno accompagnati nel percorso esperienziale in modo davvero profondo per bambini delle classi prime della scuola elementare I° Circolo di Colleferro.

Questo era l’obiettivo che la proloco si era prefisso e si prefigge anche per il futuro con un’offerta sempre più ricca; per tanto gli apprezzamenti ricevuti e la soddisfazione dei partecipanti e dei visitatori ci rendono sommamente felici e ci ripagano del lavoro svolto e di quello di ogni giorno; impegno necessario affinché le tradizioni, la storia, la cultura del territorio rimangano vive e vitali.”

Foto in galleria

Scrivi un Commento

cinque × quattro =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy