Casilina News
Tailorsan
Attualità

Autostrada Roma-Latina: una nuova sentenza del Consiglio di Stato dichiara inammissibile il ricorso del consorzio Sis, fermando di fatto il progetto

Nella giornata di ieri, martedì 30 aprile 2019, il consiglio di Stato ha dichiarato inammissibile il ricorso del Consorzio SIS sulla gara per la costruzione della Roma-Latina, fermando di fatto la procedura.

“Ora che la procedura di assegnazione dei lavori per la costruzione del corridoio tirrenico sud, è di fatto bloccata, si abbandoni l’opera – commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – basta autostrade, invece di 100 Km di nuovo asfalto a sei corsie, Regione e Ministero investano invece le risorse previste su nuovi binari ferroviari, treni, trasporto pubblico e messa in sicurezza della Pontina. Per combattere il cambiamento climatico si deve passare da scelte ambientaliste vere come questa, verso una mobilità diversa; la cura del ferro si fa così e non con l’ennesima nuova autostrada a sventrare il territorio del pontino già ampiamente antropizzato, e dell’enorme polmone verde a sud di Roma della Riserva Naturale Regionale di Decima Malafede”.

Il consorzio Sis aveva vinto il 19 febbraio 2016 la gara di ADL (Autostrade del Lazio, costituita da Regione e Anas), dopo il ricorso del Gruppo Salini, prima respinto dal TAR poi accolto dal consiglio di Stato, e lo stesso Consiglio di Stato ora, respingendo il ricorso del Sis, blocca di fatto la procedura per l’assegnazione dei lavori del così detto Corridoio Tirrenico Sud.

Scrivi un Commento

1 × quattro =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy