Casilina News
Tailorsan
Cronaca

Gianicolense, controlli nel quartiere: un arresto e due denunce. Accertamenti anche nei locali pubblici

Ferentino, inseguimento e aggressione 4 contro 1. Fermati i responsabili

Ieri sera, i Carabinieri della Compagnia Roma San Pietro, unitamente ai Carabinieri del N.A.S. di Roma, del Nucleo Radiomobile di Roma e dell’8° Reggimento Lazio, hanno eseguito una intensa attività di controllo del territorio nel quartiere Gianicolense che ha portato all’arresto di una persona mentre altre 2 sono state denunciate a piede libero.

I controlli dei Carabinieri

I Carabinieri hanno arrestato un 19enne romano, già noto per i suoi precedenti per furti in abitazione, rapina e falsa attestazione a Pubblico Ufficiale, perché nel corso di un controllo stradale, mentre era a bordo di un’autovettura assieme ad un 16enne, romeno, ha dichiarato ai militari false generalità, al fine di evitare l’identificazione.

I militari lo hanno riconosciuto e approfondendo meglio il controllo hanno rinvenuto, all’interno di un vano, ricavato all’interno del cruscotto dietro lo stereo, uno scalpello, un cacciavite ed una tenaglia. Il 19enne è stato portato in caserma e trattenuto con l’accusa di false dichiarazioni sull’identità personale e possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli, reato per cui il 16enne è stato denunciato a piede libero.

Poco dopo i militari hanno denunciato anche un 66enne romano, fermato alla guida di un’autovettura che da accertamenti è risultata sottoposta a sequestro amministrativo.

Eseguiti dei mirati accertamenti all’interno di 5 locali pubblici

I Carabinieri hanno eseguito dei mirati accertamenti all’interno di 5 locali pubblici, riscontrando violazioni in 3 di essi: il titolare di un ristorante in piazza Ottavilla è stato sanzionato per un importo di 1000 euro, per il mancato rispetto delle ordinarie norme igieniche e contestuale segnalazione all’Asl per carenze strutturali; il proprietario di un ristorante in viale dei Quattro Venti è stato sanzionato per un importo di 3500 euro per l’inosservanza delle procedure H.c.c.p., per la presenza di 20 kg di prodotti ittici  – poi sequestrati – conservati nella cella frigorifera privi di tracciabilità.

Il locale è stato anche segnalato all’Asl per irregolarità relative alla canna fumaria. Infine, il gestore di un panificio in viale dei Quattro Venti è stato sanzionato per un importo di 2000 euro perché all’interno del locale sono state riscontrate carenze strutturali.

Nel corso dei controlli, i Carabinieri hanno sorpreso 3 giovani in possesso di alcune dosi di hashish, per uso personale, e quindi sono stati segnalati quali assuntori, all’Ufficio Territoriale del Governo di Roma. Complessivamente i Carabinieri hanno identificate circa 90 persone e eseguiti accertamenti su 45 veicoli.

Scrivi un Commento

sedici − 6 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy