Casilina News
Tailorsan
Cronaca

Bravetta, appartenente alla famiglia Bevilacqua sorpreso a spasso nonostante gli arresti domiciliari: diceva di avere un fantomatico permesso speciale

Ferentino, 50enne di Ceccano nervoso durante un controllo: era uno spacciatore

E’ stato sorpreso mentre passeggiava tranquillo lungo via Antonio Lucci e quando i Carabinieri della Stazione Roma Bravetta – che ben lo conoscevano grazie al suo curriculum e che lo sapevano agli arresti domiciliari – gli hanno chiesto cosa ci facesse in giro, lui ha tentato confondere le acque, blaterando di un fantomatico “permesso speciale”.

Il protagonista della vicenda è un ragazzo di 23 anni, appartenente alla nota famiglia dei “Bevilacqua”, già con numerosi precedenti alle spalle e attualmente ristretto agli arresti domiciliari.

I Carabinieri, suo malgrado, non hanno abboccato alla fandonia e, dopo aver accertato l’assoluta inesistenza di permessi per uscire dalla sua abitazione, lo hanno nuovamente arrestato con l’accusa di evasione.

Il Bevilacqua è stato ammanettato e portato in caserma, dove è stato trattenuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del rito direttissimo.

Scrivi un Commento

dodici − sei =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy