Casilina News
Tailorsan
Attualità

Sanità privata Lazio, lavoratori in presidio e l’Aris nazionale sbarra i cancelli. Cgil Cisl Uil: “Un brutto gesto che non ci spaventa. Andremo avanti fino al contratto”

Genazzano, ambulatorio di via Andreani: iniziati i lavori per rendere più confortevole e adeguato alle necessità dei cittadini

Ecco il comunicato stampa di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio in merito ai lavoratori in presidio e l’Aris nazionale:

“Un brutto gesto di inciviltà nei confronti dei lavoratori che protestano per un contratto negato da oltre 12 anni. Ma se pensano di spaventarci o di rimanere asserragliati dietro un cancello chiuso, si sbagliano di grosso. Questa mobilitazione crescerà ancora e non ci fermeremo fino al rinnovo dei contratti”. Così Natale Di Cola, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini – segretari generali – segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio – dopo che questa mattina gli oltre cento lavoratori in presidio davanti alla sede nazionale dell’Aris, l’associazione datoriale della sanità religiosa, si sono trovati di fronte una porta sbarrata. E di ricevere i rappresentanti sindacali che chiedevano di incontrare i vertici dell’associazione, neanche a parlarne.

“Hanno chiuso le trattative qualche settimana fa proponendo un rinnovo a zero euro. Non basta negare salario, diritti e tutele, ora chiudono anche le porte in faccia ai lavoratori “, tuonano i segretari regionali di categoria. “La maschera che pretendono di indossare di fronte a cittadini e utenti è caduta. Ecco di che pasta sono fatti gli imprenditori della sanità accreditata religiosa: dentro i profitti e fuori le professionalità, dentro i soldi e fuori i lavoratori. Una vergogna, su tutta la linea”.

“Domani intanto saremo all’ospedale San Carlo di Nancy e il 22 alla sede Aiop, l’associazione della sanità privata laica”, rilanciano Di Cola, Bernardini e Chierchia. “Rabbia e risentimento non si fermeranno certo con gesti come questo. Ci sono 25mila lavoratori che pretendono il sacrosanto rispetto del diritto costituzionale alla giusta retribuzione e al contratto. Gli stessi 25 mila che da più di un decennio mandano avanti, nonostante tutto, quasi la metà dei servizi pubblici alla salute della regione. Il tempo della pazienza è finito: contratto subito”.

Scrivi un Commento

quattro + 13 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy