Casilina News
Ambiente

Rilevazioni qualità dell’aria di Arpa del 28 febbraio: Ceccano supera i valori consentiti di PM10

arpa lazio superamenti pm10

Ancora inquinamento nella valle del Sacco. Come di consueto, l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale nel Lazio, ha fatto i suoi rilevamenti quotidiani nei vari comuni della provincia di Frosinone e Roma. Rilevato uno sforamento nel PM10 a Ceccano.

Ceccano oltre i limiti

Per quanto riguarda la rilevazione della qualità dell’aria del giorno 28 febbraio, i valori dei parametri rilevati da Arpa nelle stazioni di Anagni, Fontechiari, Colleferro 010, Frosinone via Mazzini, Cassino, Colleferro 011, Ferentino e Alatri non evidenziano superamenti dei limiti previsti dalla Legge.

Ceccano e Frosinone Scalo: già superato il limite annuale di sforamenti

Sono invece preoccupanti i valori registrati nella zona della stazione Frosinone scalo, ma soprattutto di Ceccano. Nei primi due mesi del 2019, le due suddette stazioni hanno già superato il limite di 35 superamenti annuali consentiti, scrive l’Arpa. E proprio nella giornata di ieri, il 28 febbraio 2019, a Ceccano è stato rilevato l’ennesimo sforamento dei limiti di PM10. 

Ricordiamo dunque che i valori dei parametri rilevati dalla stazione Frosinone scalo evidenziano il superamento del numero dei giorni consentiti nell’arco dell’anno del PM10 previsti dalla normativa vigente; mentre i parametri rilevati dalla stazione di Ceccano evidenziano il superamento del limite giornaliero del PM10 e del numero dei giorni consentiti nell’arco dell’anno del PM10 previsti dalla normativa vigente.

Da inizio anno situazione disastrosa

La situazione era già stata affrontata negli scorsi giorni, in cui erano stati rilevati degli sforamenti negli scorsi giorni. Lo scorso 19 febbraio sono stati ben 8 i valori oltre i limiti di legge e riguardavano le centraline di Ceccano, Alatri, Frosinone via Mazzini, Fontechiari, Colleferro 010, Colleferro 011, Cassino e Ferentino. E ancora il 20 febbraio altre 8 centraline erano sopra i limiti, mentre 6 erano quelle registrate il 21 febbraio. Alcuni Sindaci stanno intervenendo per migliorare la qualità dell’aria nelle proprie zone. Si spera che la situazione migliori quanto prima. Staremo a vedere cosa produrranno le nuove rilevazioni dell’Arpa.

Scrivi un Commento

quattordici − sette =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy