Casilina News
Cronaca

Torre Angela, spaccio di droga: sette arresti. Tra questi anche due donne

Eur, tentano furto di p.c. nella sede centrale di Poste Italiane: 2 arresti

Torre Angela, quartiere da tempo monitorato dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Casilino, per contrastare il fenomeno dello spaccio di droga.

7 le persone arrestate: 5 italiani e 2 cittadini stranieri.

I primi a finire in manette sono stati un uomo identificato per  M.D. ed una donna F.F., entrambi romani e rispettivamente di 25 e 19 anni.

In particolare, gli agenti nel transitare su via dell’Archeologia, hanno notato un’autovettura ferma con a bordo due persone. Avvicinatisi, attraverso il  vetro hanno potuto notare che il conducente aveva in mano un involucro e pertanto hanno deciso di procedere al controllo dei due occupanti.

Perquisiti, M.D. aveva indosso alcune dosi di cocaina e denaro contante mentre la F.F., che si è scagliata contro i poliziotti, nascondeva all’interno della confezione dei fazzolettini,  15 involucri  termosaldati contenenti eroina e denaro contante.  Contestata alla stessa anche il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Altri 5 arresti sono stati effettuati dagli stessi agenti del Commissariato  Casilino. Sequestrati 81 involucri di cocaina e 1310 euro in contanti.

Avevano messo su una vera e propria “ditta”  i cui dipendenti esercitavano un ruolo specifico: il pusher C.K 19enne di origini toscane che all’arrivo dei suoi clienti andava a prelevare la droga nascosta dietro una siepe; la “vedetta” A.M. 19enne tunisino che fermo alla fermata dell’autobus avvisava immediatamente i suoi “soci” dell’eventuale arrivo della polizia; la “vedetta mobile” B.F. 36enne romano  che a bordo della sua macchina, oltre  a rifornire il pusher di altra droga, perlustrava il perimetro della zona.

Altri due complici sono stati trovati all’interno dell’abitazione di B.F. , la “vedetta mobile”: S.M. romano di 43 anni e una donna identificata per S.C. originaria del Corno d’Africa di 49 anni nonché diverso quantitativo di droga e denaro contante.

Tutti sono stati arrestati poiché in concorso tra loro si sono resi responsabili del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Scrivi un Commento

8 + quattordici =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy