Casilina News
Tailorsan
Cronaca

Torre Angela, spaccio di droga: sette arresti. Tra questi anche due donne

roma clan casamonica minorenne

Torre Angela, quartiere da tempo monitorato dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Casilino, per contrastare il fenomeno dello spaccio di droga.

7 le persone arrestate: 5 italiani e 2 cittadini stranieri.

I primi a finire in manette sono stati un uomo identificato per  M.D. ed una donna F.F., entrambi romani e rispettivamente di 25 e 19 anni.

In particolare, gli agenti nel transitare su via dell’Archeologia, hanno notato un’autovettura ferma con a bordo due persone. Avvicinatisi, attraverso il  vetro hanno potuto notare che il conducente aveva in mano un involucro e pertanto hanno deciso di procedere al controllo dei due occupanti.

Perquisiti, M.D. aveva indosso alcune dosi di cocaina e denaro contante mentre la F.F., che si è scagliata contro i poliziotti, nascondeva all’interno della confezione dei fazzolettini,  15 involucri  termosaldati contenenti eroina e denaro contante.  Contestata alla stessa anche il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Altri 5 arresti sono stati effettuati dagli stessi agenti del Commissariato  Casilino. Sequestrati 81 involucri di cocaina e 1310 euro in contanti.

Avevano messo su una vera e propria “ditta”  i cui dipendenti esercitavano un ruolo specifico: il pusher C.K 19enne di origini toscane che all’arrivo dei suoi clienti andava a prelevare la droga nascosta dietro una siepe; la “vedetta” A.M. 19enne tunisino che fermo alla fermata dell’autobus avvisava immediatamente i suoi “soci” dell’eventuale arrivo della polizia; la “vedetta mobile” B.F. 36enne romano  che a bordo della sua macchina, oltre  a rifornire il pusher di altra droga, perlustrava il perimetro della zona.

Altri due complici sono stati trovati all’interno dell’abitazione di B.F. , la “vedetta mobile”: S.M. romano di 43 anni e una donna identificata per S.C. originaria del Corno d’Africa di 49 anni nonché diverso quantitativo di droga e denaro contante.

Tutti sono stati arrestati poiché in concorso tra loro si sono resi responsabili del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Scrivi un Commento

15 − 12 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy