Casilina News
Tailorsan
Cronaca

Alatri, due fratelli pizzicati in flagrante: tentata truffa in un bar pizzeria. Avevano già truffato esercizi commerciali a Frosinone e Piedimonte San Germano

Esquilino. Sorpreso a rubare, tenta la fuga calandosi dal tetto del supermercato: 23enne arrestato dopo l'inseguimento

Nella tarda mattinata di ieri, ad Alatri, i militari dell’Aliquota radiomobile della locale Compagnia Carabinieri, unitamente al personale del Norm della Compagnia di Frosinone e quello della Stazione di Piedimonte San Germano, a conclusione di una meticolosa attività info-investigativa, traevano in arresto nella flagranza di reato due fratelli della provincia di Foggia, G. P. e G. G., rispettivamente di 55 e 41 anni (già censiti per reati contro la pubblica amministrazione e il patrimonio), per il reato di “tentata truffa aggravata in concorso”.

I militari operanti, davano corso alle indagini facendo riferimento ad una serie di truffe commesse nel novembre dello scorso anno in danno di attività commerciali ubicate nella provincia di Frosinone (in particolare nei comuni di Frosinone e Piedimonte San Germano) poste in essere con la consegna di cartoni contenenti lattine di olio di pessima qualità, venduto invece mediante artifizi e raggiri come prodotto “extravergine di oliva”. Tale attività consentiva di individuare i prevenuti, i quali recatisi nella mattinata odierna all’interno di un “bar pizzeria” ubicato in località Stazione del comune di Alatri, tentavano di perpetrare una nuova truffa chiedendo la consegna della somma di 100 euro alla cassiera del suddetto esercizio, affermando nella circostanza di aver ricevuto telefonicamente dalla proprietaria un ordine di olio e di aver concordato con la stessa la consegna del prodotto proprio nella mattina odierna.

Il tentativo non aveva buon esito grazie al sopraggiungere della proprietaria del “bar”, nonché all’intervento di un Brigadiere dei Carabinieri, in servizio presso il Comando Stazione di Frosinone, ed un altro, attualmente in congedo, ivi presenti, che impedivano il realizzarsi del reato. Nella circostanza, gli operanti ponevano sotto sequestro il denaro e la sottonotata merce, trovati nella disponibilità dei due:

  • 4 cartoni contenenti 16 taniche di verosimile olio di oliva per complessivi 80 litri;
  • 21 etichette adesive indicanti la data di scadenza del 30 dicembre 2020;
  • 3 confezioni contenenti 36 Kg. di olive verdi;
  • 2 telefoni cellulari;
  • la somma complessiva di euro 342 in contanti, provento dell’attività illecita.

Al termine delle formalità di rito, i predetti resisi responsabili delle attività illecite suindicate, venivano tratti in arresto e trattenuti presso le camere di sicurezza della Compagnia di Alatri, in attesa di rito direttissimo. Nei confronti degli stessi veniva altresì avviato il procedimento per la proposta della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno nei comuni di Alatri, Frosinone e Piedimonte San Germano, per anni tre.

Scrivi un Commento

5 × 2 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy