Casilina News
Tailorsan
Cronaca

Frosinone, tentata rapina al kebab Bella Instanbul di via Tiburtina: arrestati due giovani di Alatri

La Pisana, uomo finge suicidio e si imbratta di vernice rossa: voleva impressionare la moglie che lo aveva lasciato

Frosinone-Squadra Volante: notte movimentata in via Tiburtina , tentano rapina al  “ Kebab” due giovani alatrensi pregiudicati; scatta l’arresto lampo.

Gli uomini delle Volanti continuano nell’intensa attività di controllo del territorio attenzionando zone a rischio e soggetti pericolosi mantenendo alta la guardia per garantire la sicurezza alla comunità soprattutto nelle aree più colpite dai malfattori.

Durante l’ordinario controllo del territorio, intorno alle ore 21,45 circa , giunge su linea 113 allarme rapina in via Tiburtina all’interno dell’attività commerciale denominata “Bella Instabul”.

A chiamare è lo stesso titolare, il quale con voce tremante segnala di aver appena subito tentativo di rapina da due giovani armati di cacciaviti fuggiti a bordo di autovettura modello fiat Panda. Immediato l’arrivo delle volanti che all’altezza di via Madonna della Neve intercettano il mezzo indicato. Ne nasce un rocambolesco inseguimento con il fermo del veicolo all’altezza del bivio Brunella.

A bordo del mezzo c’è solo il conducente, autore materiale della tentata rapina, un venticinquenne di Alatri, pregiudicato. Il complice si era già dato alla fuga appiedato.

A seguito di serrate indagini da parte dell’Ufficio trattazione atti del Reparto Volanti si identificava altresì il complice, un 35enne anch’egli di Alatri con diversi precedenti di Polizia il quale nella circostanza aveva funto da palo.

Il malvivente in seguito al tentativo di rapina, dopo aver minacciato il titolare con due cacciaviti si dava alla fuga infrangendo il vetro del portone d’ingresso del locale, procurandosi vistose ferite alla mano e alla coscia.

Sequestrati i cacciaviti rinvenuti a seguito di perquisizione all’interno del veicolo. Il rapinatore è stato associato su disposizione dell’A.G. presso la locale casa circondariale.

Scrivi un Commento

cinque × tre =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy