Casilina News
Cronaca

Torre Angela, bulli di quartiere minacciavano di morte alcuni commercianti

ceprano distributore sigarette bar

A seguito di una complessa attività investigativa, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno arrestato due romani di 33 e 34 anni, nullafacenti e con precedenti penali, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Roma, per i reati di estorsione e rapina aggravata in concorso, commessi nel quartiere di Torre Angela dall’inizio dell’anno.

L’attività investigativa dei Carabinieri è stata avviata circa un mese fa, a seguito delle denunce formalizzate da alcuni esercenti del quartiere Torre Angela che da diverso tempo erano vittime di estorsioni da parte di due uomini romani, in cui hanno raccontato ai Carabinieri che i due, da diverso tempo erano soliti far visita ai loro esercizi commerciali, situati in via di Torrenova. In particolare, da circa un anno, la coppia faceva visita quotidianamente in un bar, dove consumavano birre o prodotti di vario genere – come sigarette – senza mai pagare e minacciando di morte sia la titolare che il figlio, o di incendiare il locale quando questi ultimi si permettevano di chiedere i soldi. Spesso importunavano anche la clientela a cui chiedevano soldi. In un esercizio commerciale i due, sempre quotidianamente e in tarda serata, si recavano impossessandosi di birre o altra merce senza mai pagare. Anche in questo caso quando la vittima richiedeva il pagamento del conto della merce, i due, oltre a minacciarla di morte, si vantavano di essere i padroni e di poter fare quello che volevano, che le “guardie” non gli potevano fare nulla perché già “le avevano menate”. Un’altra vittima ha riferito, invece, che da circa un mese i due avevano iniziato a fargli visita ed era stato costretto sotto minaccia a consegnare la somma contante di 40 euro. Addirittura uno dei due si spacciava per nipote di un noto boss mafioso siciliano, ancora latitante, detto “u siccu”.

A corredo delle denunce, le vittime hanno anche fornito dei filmati che ritraevano i due all’interno dei loro locali. Successivamente, a seguito dell’individuazione fotografica, le vittime hanno riconosciuto, senza ombra di dubbio, i due quali autori delle azioni criminali. Tutta l’attività operativa svolta dai Carabinieri è stata trasmessa con una informativa all’Autorità Giudiziaria che ha concordato pienamente le risultanze investigativa raccolte, grazie alle quali è stata richiesta e ottenuta l’ordinanza che ha disposto l’arresto e la custodia nel carcere di Rebibbia dei due malviventi.

Scrivi un Commento

4 × 3 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy