Casilina News
Attualità

Tivoli, Comitato per l’Aniene: “Colata di cemento in arrivo all’ex polverificio stacchini”

Il Polo dei Movimenti Civici Tiburtini: "La Regione Lazio blocca la rimozione dei rifiuti a Tivoli Terme, presso gli ex polverifici "Stacchini"

Di seguito, il comunicato del Comitato per l’Aniene sulla situazione attuale:

Un sarcofago di cemento coprirà l’area dell’ex polverificio Stacchini, a Tivoli Terme, e la colata viene anche spacciata per un’operazione di bonifica.
Il Comune di Tivoli si ricorda dell’area compromessa da discariche e sversamenti solo in vista della prossima campagna elettorale, nonostante le denunce effettuate da anni ed anni finite addirittura alla ribalta nazionale con servizi trasmessi in tv.


Lo scorso 7 novembre infatti, la Giunta comunale di Tivoli ha deliberato gli atti di indirizzo inerenti il “Programma di riqualificazione e sviluppo dell’area dell’ex Polverificio Stacchini”.
Ma la cura appare ben peggiore del male che si intende curare, trascurando il valore ambientale del sito, che rientra tra l’altro in un’area di riconosciuto valore ambientale essendo un Sito di Interesse Comunitario (SIC) “Travertini delle Acque Albule, Bagni di Tivoli”, che venne istituito grazie alla Direttiva europea “Habitat” proprio per la presenza di specie vegetali molto importanti.
Il documento approvato prevede che venga effettuata una tabula rasa della vegetazione dell’area, noncurante proprio del suo valore botanico, per fare posto all’asfalto e cemento di un centro logistico.
La ciliegina della torta è data dal fatto che viene incaricata di eseguire i lavori proprio la società Stacchini, che ha omesso in tutti questi anni di impedire che l’area di sua proprietà fosse invasa. da decine e decine di tonnellate di rifiuti di ogni sorta.


Un vero e proprio colpo di grazia ad un territorio già pesantemente aggredito e compromesso utile solo a solleticare i continui appetiti di speculatori e politici senza scrupoli.
Il Comitato per l’Aniene interverrà presso le istituzioni per evitare che tale scempio venga portato a compimento, a cominciare dalla Regione Lazio per giungere all’Unione Europea.

Foto di repertorio

Scrivi un Commento

nove + 11 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy