Casilina News
Attualità

Gestione dei Tmb, Mov. Rifiutiamoli: sabato 6 ottobre ci sarà la manifestazione

Colleferro, dalle assemblee cittadine nuovi dettagli sulla questione rifiuti

Ecco il comunicato del movimento ambientalista Rifiutiamoli. Sabato 6 ottobre, a Roma, ci sarà una manifestazione contro il Tmb di via Salaria.

Sabato 6 Ottobre saremo a Roma a manifestare fianco a fianco dei comitati in lotta contro il Tmb di Via Salaria.

L’impianto di trattamento meccanico biologico di via Salaria è una struttura al collasso, una discarica di rifiuti indifferenziati che avvelena molti quartieri del terzo e del secondo Municipio di Roma Capitale. I comitati e i cittadini chiedono il rispetto della chiusura del Tmb prevista per il 2019. Saremo in strada con loro per chiedere la conferma di questa data. La salute dei lavoratori e dei cittadini è minacciata dai miasmi prodotti dall’impianto.

In questi anni l’assenza di programmazione tra i vari enti ha prodotto un sistema di gestione perennemente in emergenza con tonnellate di rifiuti in viaggio verso altri Stati, Regioni e in altre città del Lazio. Colleferro e le zone del terzo Municipio di Roma sono parti lese di questo sistema. Per anni le ciminiere degli inceneritori – ora spente – hanno bruciato i rifiuti provenienti dal Tmb Salario, garantendo uno smaltimento della produzione di buona parte dell’indifferenziato della Capitale. Ed è proprio da via Salaria che provenivano i carichi di materiale irregolare fatti entrare nei forni degli inceneritori di Colleferro.

Una vicenda che ha determinato il sequestro degli impianti nel 2009 e l’apertura di un processo penale, ancora in corso, per traffico illecito dei rifiuti. Le riunioni dell’osservatorio municipale, la raccolta di dati sulle criticità provate dalla cittadinanza e la determinazione dei comitati locali dimostrano un livello di mobilitazione serio e partecipato che non può essere ignorato da parte di chi deve prendere decisioni sul sistema di gestione dei Tmb.

Il 6 ottobre saremo davanti quell’impianto perché non esistono cittadini di serie B!