Casilina News
Attualità

Comitato Salviamo l’Ospedale di Anagni: “Unità d’intenti per ottenere risultati”

Il tavolo convocato da USB nel corso della manifestazione presso la sala consiliare del Comune di Colleferro destinato ai sindaci e alla regione Lazio per discutere della situazione degli ex lavoratori del magazzino Amazon è andato deserto. È stata comunicata l’indisponibilità all’incontro ma questo appare un gesto ostile verso i lavoratori r verso la causa dei precari di Amazon.

“L’obiettivo perseguito da lungo tempo dalla Regione Lazio a guida Zingaretti e dalla ASL di Frosinone, ovvero di abbattere  definitivamente l’ultima struttura che offriva un minimo servizio di emergenza/urgenza per la zona nord della provincia di Frosinone, ha portato come ben sappiamo alla chiusura del Punto di Primo Intervento presente nell’ ex-Ospedale di Anagni, sostituito dal PAT  (Presidio Ambulatoriale Territoriale). Vale  a dire, agli stessi costi, è stato sostituito un servizio efficace, il Punto di Primo Intervento, con il nulla che risponda alle esigenze della città e dei comuni limitrofi”.

A parlare, attraverso un comunicato stampa, è il Comitato Salviamo l’Ospedale di Anagni, che non ha mai smesso di lottare insieme alla cittadinanza per chiedere il ripristino dei servizi sanitari esistenti nel comprensorio che riguarda l’intera area nord della ciociaria.

“Il cittadino – prosegue la nota – percepisce quindi che in questo caos l’unica certezza è il taglio dei servizi sanitari pubblici, a fronte di nulla che garantisca il diritto alla parità di accesso alle prestazioni sanitarie, ma spalanca la porta alle strutture private, per chi può pagarsele. Vedi anche lo Stop all’assistenza sanitaria per i cardiopatici cronici della provincia di Frosinone al di sopra dei 69 anni, decretato dalla Asl di Frosinone. Non è un caso che, nel 2017, secondo i dati ufficiali dell’IPS (Indice Performance  Sanitaria) e del Censis circa 13 milioni di Italiani abbiano rinunciato a curarsi per motivi economici. In pratica una famiglia su tre. Tutto questo mentre la Regione Lazio ha imposto ai cittadini l’addizionale regionale Irpef al massimo livello.

La reazione degli Anagnini alla gravità di quanto successo è stata l’imponente manifestazione del 2 agosto, promossa  dal  Movimento “Adesso Basta” per chiedere la riapertura del PPI e l’avvio delle procedure necessarie per avere il Pronto Soccorso. A questo scopo è stato allestito un presidio permanente davanti all’ex-Ospedale per una raccolta di firme (oltre ventimila finora) che procede senza sosta e con ottimi risultati.

La manifestazione del 2 agosto ha dato certamente un segnale politicamente importante per la presenza, accanto al Sindaco di Anagni, dei sette sindaci dei Comuni dell’area nord della provincia, i quali hanno dichiarato di voler affrontare uniti il problema  sanitario senza etichette di partito, riconoscendo l’urgenza sanitaria come scelta politica comune che vada oltre le convenienze di bottega, le chiacchiere inconcludenti, la difesa d’ufficio di decisioni indifendibili.

Va invece rafforzata l’unità di azione tra istituzioni e cittadini per ottenere risultati concreti, ma tale obiettivo si può raggiungere soltanto con un costante attivismo da parte dei sindaci nel chiedere il pronto soccorso, con i servizi collegati come da piattaforma dei cinque punti, approvata due anni fa dai nove comuni della zona nord e una chiara informazione data ai cittadini su tutte le iniziative, amministrative, giuridiche e politiche già intraprese e da intraprendere da parte del Sindaco di Anagni e di tutti gli altri Sindaci.

Ogni ritardo e omissione nelle iniziative e nell’essenziale e corretta comunicazione comporterebbe, inevitabilmente, la caduta del rapporto di fiducia instauratosi faticosamente tra chi governa e chi è governato e renderebbe molto deboli gli strumenti di intervento, vanificando la risposta che è venuta il 2 agosto scorso.

 

Il Comitato  “ Salviamo l’ ospedale  di  Anagni “

Diritto alla Salute Anagni Viva, Comitato Osteria della  Fontana, Anagni Scuola Futura  

LegAmbiente Circolo di Anagni, Comitato Residenti Colleferro,  Re.Tu.Va.Sa., Comitato S. Bartolomeo, Comitato Ponte del Papa.

Scrivi un Commento

5 × uno =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy