Casilina News
Attualità

Morte Marchionne, il cordoglio della Regione Lazio e dell’Ugl

Lazio Battisti biodistretto Valle di Comino

Sergio Marchionne, l’uomo che cambiò il destino della FIAT, è deceduto questa mattina presso l’ospedale di Zurigo, dove era ricoverato dal 27 giugno. Dalla Regione Lazio e dall’Ugl arrivano i messaggi di cordoglio per la sua scomparsa.

Zingaretti: “Alla sua famiglia e al gruppo FCA il nostro cordoglio

Sono convinto che il lavoro e il messaggio di Sergio Marchionne continueranno ad essere oggetto di riflessione. Ci lascia un protagonista dell’innovazione, alla sua famiglia e al gruppo FCA il nostro cordoglio.

 Manzella: “Marchionne, esempio di cosa possa fare il nostro paese migliore”

“Sergio Marchionne lascia un segno indelebile nel suo tempo. Quello di uomo di origini semplici che ha conquistato il mondo, con la forza delle sue idee, del suo temperamento, della sua forza. Ha rotto tabù e portato anticonformismo, formale e sostanziale, nel mondo del management e della grande industria. Ha operato con straordinari successi su mercati sempre più globalizzati portando ovunque con sé valori profondamente italiani. Ed è segno emblematico di tutto questo il fatto che nella sua ultima intervista, proprio a Roma in occasione della consegna della nuova vettura Jeep ai Carabinieri, Marchionne si fosse definito orgogliosamente ‘un figlio di carabiniere’: perché questo era, e non lo ha mai dimenticato.

Il Lazio è una delle grandi regioni dell’auto italiane, la Fca di Cassino è realtà di grande importanza, ‘l’indotto Fiat’, come ancora lo si chiama, spinge avanti molta della nostra economia, contribuendo a portare qui competizione e qualità, a rendere il nostro sistema d’impresa sempre migliore. Il suo sguardo di coraggio mancherà dunque anche qui. Ma è compito di ognuno di noi, ognuno nel suo piccolo, ognuno nella sua responsabilità anche minima, portarlo avanti.” Così Gian Paolo Manzella, assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio alla notizia della morte di Sergio Marchionne.

Spera (Ugl): “Il mondo perde un importante pezzo di storia”.

“Ringrazieremo a vita Sergio Marchionne per il prezioso contributo che ha dato permettendo alla Fca di crescere e diventare un’importante realtà mondiale. Finisce l’era di un Capitano che ha saputo gestire la squadra, un manager che non stava mai fermo. Perdiamo un importante protagonista della storia italiana, ha segnato un’epoca con la sua personalità, un grande esponente manageriale, non uomo segreto. L’Ugl ha condiviso con lui anche momenti molto difficili e di tensione ma nulla si poteva di fronte a una persona intelligente, controversa, un industriale di livello che ha rappresentato la storia dell’Italia, ma anche pagine assolutamente buie del nostro Paese: dalla Fiat del crac alla FCA del boom economico”. Così lo ricorda il segretario generale dell’Ugl metalmeccanici, Antonio Spera che a nome di tutta la federazione nazionale esprime dolore e cordoglio per la morte prematura del Dott. Sergio Marchionne.

“Marchionne, e’ un pezzo di storia italiana che ha costruito il paese insieme alla famiglia Agnelli, un esempio di grande serietà e coerenza anche se presentava la sua immagine con un certo distacco e sense of humor. Il ricordo che ho di lui – afferma Spera – è quello di una persona molto seria. Non rinunciava mai alle sue battute per sdrammatizzare. È innegabile che con la morte di Marchionne tutto il mondo perda un importante pezzo di storia. Aveva ottenuto negli ultimi anni la piena fiducia americana tanto che il Presidente Trump scommise su Marchionne nel affermare che ‘Vedrere d’ora in poi più auto costruite negli Stati Uniti’ e sempre dice Donald Trump, ai leader del settore riuniti nella Roosevelt Room della Casa Bianca, rivolgendosi all’amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne: ‘al momento tu sei il mio preferito e rimarrai nella mia stanza’. “Con lui – conclude il segretario generale metalmeccanici, Spera – scompare un protagonista: l’Ugl esprime le più sentite condoglianze ai familiari del presidente Marchionne: perdiamo un padre costituente della Fabbrica Italiana e Mondiale dell’automobilismo: l’era obbligatoriamente dovrà proseguire, non sarà facile sostituire il manager più carismatico della storia recente del gruppo FCA”.

Ciacciarelli: “Esprimo cordoglio per la scomparsa di Sergio Marchionne. FCA, si prosegua nel solco della continuità “

“Esprimo il mio cordoglio per la scomparsa di Sergio Marchionne. Il suo lavoro in Fca è stato eccellente, così come la sua lungimiranza e dinamicità. Fondamentale che il nuovo management prosegua nel solco della continuità e che mantenga gli impegni su Cassino plant come uno dei siti strategici del gruppo,  E’ quanto dichiara il Presidente della V Commissione Cultura, Spettacolo, Sport e Turismo della Regione Lazio, il Consigliere Regionale Pasquale Ciacciarelli.