Casilina News
Tailorsan
Cronaca

Flaminio, usura e intimidazioni, la Polizia di Stato arresta un usuraio dello Sri Lanka

prati molotov sede lega

Le indagini della Polizia di Stato sono partite da un intervento fatto da una pattuglia del commissariato Flaminio a fine 2016. In quella circostanza un uomo aveva chiesto aiuto al NUE 112 in quanto, mentre si trovava nel suo appartamento con moglie e figli, un cittadino dello Sri Lanka, insieme a due connazionali, si era presentato alla sua porta chiedendo la restituzione del denaro, in precedenza prestatogli e minacciando lui e la sua famiglia.

All’arrivo degli agenti i tre loschi individui se ne erano già andati e così la vittima si è recata negli uffici del commissariato Flaminio a sporgere denuncia: lo straniero ha raccontato di aver chiesto tempo prima dei soldi in prestito ad un suo amico e di essere stato poi intimidito da questo quando non era riuscito più ad onorare il suo debito, per via degli interessi troppo elevati.

Monitorati i telefoni cellulari dell’usuraio, cittadino 30enne dello Sri Lanka e raccolti sufficienti elementi, gli investigatori hanno inviato il tutto all’Autorità Giudiziaria che ha disposto il fermo di M.L.N.W.

I poliziotti hanno così dato esecuzione all’ordinanza accompagnando il ragazzo nel carcere di Regina Coeli e ponendo fine alle paure dell’uomo e della sua famiglia.

Scrivi un Commento

quindici − dodici =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy