Casilina News
Televisione

Lavori Socialmente Utili: l’inchiesta di Report che andrà in onda il 23 ottobre alle ore 21,00

Lavori Socialmente Utili: anticipazioni sull'inchiesta di Report 23 ottobre 2017

Lunedì  23 Ottobre alle ore 21.00, Report, su Rai Tre, si occuperà di Lavoro e in special modo di Lavoratori Socialmente Utili. Facciamo un “viaggio” al centro di questo Mondo, per raccontarvi le problematiche che i lavoratori, vessati da anni di ingiustizie ed umiliazioni, vorrebbero vedere affrontate e risolte da chi ne ha il potere. Stiamo parlando di una situazione che “stalla” da più di vent’anni e che coinvolge le Regioni del centrosud, li, dove la mancanza di occupazione, condanna tante persone ad una vita di disagi e di privazioni, di umiliazioni e ricatti…

A partire dagli anni 90, sotto la sigla LPU/LSU (Lavori di Pubblica Utilità/Lavori Socialmente Utili), sono stati raggruppati una serie di progetti che prevedevano  la realizzazione di opere e la fornitura di servizi di utilità collettiva, mediante l’utilizzo di particolari categorie di soggetti  titolari di trattamenti previdenziali, presso i vari Enti Pubblici, spesso  anche in sostituzione dei Dipendenti o addirittura in mancanza di questi. In un secondo momento, questa tipologia è stata estesa  anche ai disoccupati di lungo periodo iscritti nelle liste del collocamento.

Tutto ciò doveva  costituire uno stato in cui il disoccupato, a fronte di un’indennità economica e un’assistenza previdenziale minima, forniva una prestazione lavorativa “fuori mercato” in attività utili alla collettività, per un periodo tassativamente previsto dalla normativa di riferimento. A causa del   protrarsi delle attività socialmente utili oltre i termini indicati dal legislatore, purtroppo queste aspettative sono andate deluse ed  i lavoratori ne stanno subendo tutt’oggi  gravi, evidenti danni  sotto l’aspetto retributivo. Inoltre, la continua negazione di una  condizione lavorativa legittima, ha comportato  il disconoscimento di un contratto di lavoro con tutti i diritti annessi e connessi,  ma soprattutto la negazione del  diritto alla pensionistico.

Le Regioni tutt’ora interessate dalla questione LSU, sono : Lazio, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna e, sebbene in alcune di queste  sia quantomeno stato avviato un dialogo con i lavoratori per cercare soluzioni ed in qualche Ente Locale si sia proceduto alla definitiva assunzione di questi, la situazione per molti di loro è ancora grave e peggiora con il passare del tempo. Tanti Lsu infatti, sono ai limiti con l’età lavorativa  e addirittura alcuni, raggiunta quella pensionabile, dopo tanti anni di sacrifici e attesa, si ritroveranno con un pugno di mosche in mano, perché dopo le già pesanti  umiliazioni subite, non avranno  diritto neanche ad una pensione dignitosa.

Alla luce di queste  considerazioni  i lavoratori, visto che da anni, assicurano con professionalità l’indispensabile svolgimento delle attività amministrative degli Enti Locali di appartenenza, attraverso diverse funzioni (operai, servizi demografici, servizi amministrativi, ecc..), da tempo richiedono un  disegno di legge per  sanare (come è già avvenuto in passato per altre categorie), il vuoto normativo e permettere così la loro definitiva stabilizzazione  attraverso la contrattualizzazione.

La speranza è che, a seguito dell’interessamento e dell’inchiesta degli inviati di Report, la questione così posta in evidenza ed all’attenzione Nazionale, possa finalmente giungere aduna positiva conclusione per i Lavoratori. Pertanto, si ringrazia ancora la redazione di Report e tutti  i lavoratori LSU, gli Amministratori Locali, il sindacato di base USB, i quotidiani che hanno dato risalto alla notizia  e tutti quelli che hanno autorizzato le interviste e si sono resi disponibili  per spiegare e diffondere questa problematica realtà.

Scrivi un Commento

4 × 5 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy