Casilina News
Tailorsan
Cronaca

Calci e pugni alla porta di casa: a Primavalle madre e figlio si barricano per sfuggire all’ira funesta di un 56enne

La donna era rientrata nei radar delle Forze dell'Ordine dal 2018, quando stava allestendo alcuni locali da adibire successivamente all'attività di meretricio

Dopo le numerose violenze e minacce subite, hanno preferito chiudersi in casa e aspettare l’intervento degli agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti. E’ accaduto a Primavalle. F. M., non avendo ottenuto dall’anziana madre i soldi per le sigarette, è uscito da casa infuriato, dopo aver minacciato lei ed il fratello. Poi, non riuscendo a rientrare, ha iniziato a sferrare calci e pugni alla porta.

Gli agenti, intervenuti sul posto a seguito delle segnalazioni ricevute, lo hanno bloccato mentre cercava di dileguarsi. Nel corso della perquisizione, l’uomo è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico, nascosto dentro il borsello.

Accompagnato presso il commissariato Primavalle, al termine degli accertamenti di rito, F.M, romano di 56 anni, è stato associato presso il carcere di Regina Coeli. Dovrà rispondere di fronte all’autorità giudiziaria del reato di maltrattamenti in famiglia e di porto di coltello di genere proibito.

Scrivi un Commento

4 × 4 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy