Attualità 120 femminicidi nel 2016 in Italia: le donne vittime di violenza possono essere aiutate da un percorso psicoterapeutico

Published on agosto 30th, 2017 | by Flaminia Cappellano

0

120 femminicidi nel 2016 in Italia: le donne vittime di violenza possono essere aiutate da un percorso psicoterapeutico

Condividi

Orrore nei cassonetti dei Parioli: un’altra donna vittima di violenza. Quasi ogni giorno, tutti gli organi di stampa ci raccontano episodi di violenza domestica, di stragi familiari e di vite spezzate. Ragazze, donne, mogli e soprattutto madri che vengono uccise dagli uomini di cui si fidavano, con i quali credevano di aver costruito un rapporto di amore, di amicizia, o con i quali avevano un rapporto di parentela che purtroppo però le ha portate ad una fine spietata.

Vite spezzate per mano di uomini che avrebbero dovuto proteggerle, amarle e rispettarle.

Soltanto pochi giorni fa, è stata diffusa la notizia di un uomo che ha ucciso la propria sorella cercando di occultare parti del suo corpo in vari cassonetti della spazzatura nelle zone di Roma dei quartieri Flaminio e Parioli. Non solo vittima di violenza, non solo vittima di un brutale omicidio ma torturata anche a seguito della morte. Senza che nessuno si accorgesse di nulla, senza un minimo di dignità e rispetto. Concetti questi sconosciuti all’interno della cultura della violenza.

Sono state 120, infatti, le donne uccise per mano di un uomo nel corso dell’anno 2016 (Fonte ISTAT) e sono migliaia le donne che subiscono violenze fisiche, psicologiche, economiche, stalking, spesso senza neanche riconoscere il reato che viene messo in atto, nella maggioranza dei casi senza avere la possibilità di chiedere aiuto, a causa anche dell’isolamento nel quale sono costrette a vivere.

Donne che non riescono ad immaginare una via di uscita, una soluzione per porre fine all’incubo che stanno vivendo da giorni, mesi e spesso anni. Anni di umiliazioni, denigrazioni, minacce, botte e silenzi.

Le donne che vivono legami di questo tipo e che riescono, non senza difficoltà, ad iniziare un percorso psicoterapeutico, possono riuscire a mettere un punto al loro incubo, cercando di prevenire il peggio e ricominciando a vivere una vita degna di essere vissuta. Un percorso psicoterapeutico può infatti aiutare e sostenere queste donne ad acquisire gli strumenti che consentiranno loro di riconquistare la propria autonomia, liberandosi dai sensi di colpa e dalla vergogna che spesso si provano nelle relazioni violente.


Condividi

Tags: , , , , ,


Notizie sull 'autore

“Sono una Psicologa – Psicoterapeuta”, laureata con lode presso l’Università “La Sapienza” di Roma e specializzata in Psicoterapia Strategico Integrata presso la SCUPSIS. Iscritta all’Albo degli Psicologi della Regione Lazio, n.17188. Svolgo la mia attività privata presso il mio studio in zona Parioli di Roma. Mi occupo di: Psicoterapia individuale e di coppia; sostegno alla genitorialità; progettazione e coordinamento progetti”

i miei contatti sono
Tel. 339.1748796
e-mail: flaminiacappellano@hotmail.it
skype: flaminiacappellano
Facebook: @psicologaflaminiacappellano



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici + 5 =

Torna su ↑
  • Seguici su Facebook

  • Archivio dei nostri articoli


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi