Casilina News
Attualità

Roma, a rischio il salario accessorio dei 24000 dipendenti capitolini: Governo convoca Campidoglio

Sociale sito Roma Capitale numeri utili chiamare

ROMA: IL GOVERNO CONVOCA IL CAMPIDOGLIO, A RISCHIO IL SALARIO ACCESSORIO DEI 24.000 DIPENDENTI CAPITOLINI. UGL: UNICI NEL PANORAMA SINDACALE, AVEVAMO LANCIATO UN MONITO IN TEMPI NON SOSPETTI.

Non c’è pace per I 24.000 dipendenti capitolini che, dopo quasi tre anni di “atto unilaterale” voluto dalla giunta Marino, oggi vedono a rischio il nuovo contratto, sottoscritto ed annunciato, forse con troppi trionfalismi, nel maggio scorso. Dopo I moniti dell’ OREF, tocca infatti oggi alla Ragioneria Generale dello Stato, “bocciare” I conti che regolano I salari dei dipendenti del Comune di Roma. Sulla vicenda, interviene duro il commento dellla UGL PL, che in una nota del Coordinatore Romano Marco Milani dichiara: ” Siamo stati gli unici, in tempi non sospetti, ad ammonire amministrazione e Sindacati firmatari, di come il nuovo contratto dei dipendenti capitolini, partisse “cassato” dalla Ragioneria Generale dello Stato, prima ancora della sottoscrizione avvenuta nel Maggio scorso.

Queste di oggi sono le naturali conseguenze di essersi, nonostante tutto, ostinati a perseguire una strada che si presentava insidiosa già in partenza, intrapresa probabilmente alla ricerca di un effetto spot. Al di là degli aspetti contabili troppe cose come UGL non ci hanno mai convinto di quel contratto: Dalla sperequazione delle somme di salario variabile erogate con estrema facilità alle figure apicali, rispetto alle quote spettanti alla maggioranza dei lavoratori, fino al mancato riconoscimento dei rischi e delle peculiarità della Polizia Locale, nonchè  l’applicazione della disciplina Regionale in materia. Oggi, I lavoratori di Roma Capitale, vivono ancora quell’incertezza retributiva, che avrebbe dovuto essere risolta,  dal 1 Luglio u.s. “.

Di seguito, alcuni estratti. 2017080203143006321 2017080203171106554

Scrivi un Commento

1 × 2 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy