Casilina News
Cronaca

Cassino, evade due volte dai domiciliari: sconterà condanna in carcere

Tiburtina, detenuta di Rebibbia tenta di uccidere i suoi due figli: uno è morto

 

Si riaprono le porte del carcere per un 47enne di origine partenopea. Questa volta dovrà scontare l’intera pena all’interno del carcere di Cassino, senza poter più godere di alcun beneficio giuridico.

Nel pomeriggio di ieri, in Cassino, i militari della locale Stazione Carabinieri, nell’ambito di un predisposto servizio di prevenzione, procedevano alla notifica di un Decreto di esecuzione per la carcerazione, emesso dall’Ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica di Frosinone, nei confronti dell’uomo, già sottoposto alla detenzione domiciliare e censito per reati contro il patrimonio, contro la persona ed inerenti la sfera sessuale.

Il 47enne resosi protagonista di una violenza sessuale nel mese di maggio dello scorso anno nei confronti di due donne italiane, sul treno Roma – Cassino, era stato tratto in arresto nella flagranza di reato e posto agli arresti domiciliari. Nemmeno ventiquattro ore dopo, veniva rintracciato dai Carabinieri di Cassino, nel centro abitato e tratto nuovamente in arresto per il reato di evasione. Dopo aver scontato un periodo di carcerazione, l’A.G. gli concedeva il beneficio della detenzione domiciliare che stava scontando presso la sua abitazione. A seguito del rigetto di un’istanza presentata dal medesimo, il suindicato Ufficio esecuzioni penali disponeva che il prevenuto venisse nuovamente accompagnato presso la Casa Circondariale per scontare, in carcere, i restanti 3 anni e mesi 2 di reclusione, senza poter più godere di alcun beneficio di legge.

 

Scrivi un Commento

cinque × quattro =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy