Casilina News
Cronaca

Cassino, denunciato 45enne per porto ingiustificato di armi e un allenatore di calcio per aggressione

Valle Aurelia, bloccano la scala mobile per rapinare i viaggiatori

Cassino: la Polizia di Stato denuncia  45enne per porto ingiustificato  di oggetti atti ad offendere

Gli agenti del Commissariato di Cassino, nel corso di controlli  del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati di natura predatoria e microcriminalità, fermano un nordafricano che aveva al seguito una mazza da baseball

Nell’ambito di normali servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati di natura predatoria e microcriminalità in genere, gli agenti del Commissariato di Cassino, sulla Strada Statale 630, fermano un’utilitaria con a bordo un 45enne di origine marocchina.

L’uomo, alla vista degli agenti, tenta di occultare un oggetto che aveva all’interno dell’abitacolo.

Il gesto non passa inosservato : il nordafricano aveva infatti tentato di nascondere una mazza da baseball di 72cm.

Il 45enne, regolare sul territorio nazionale, viene denunciato a piede libero per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

Dopopartita incandescente: la Polizia di Stato denuncia allenatore di calcio

Personale del Commissariato di  Cassino, a fine gara, interviene su un campo di calcio di Terza Categoria per aggressione all’arbitro.

Nel pomeriggio di ieri personale del Commissariato di Cassino interviene,  a Posta Fibreno,  per  un’aggressione in danno di un giovane arbitro, che aveva diretto la partita Azzurra Posta Fibreno – Nuova Sant’Elia Calcio,   valevole per il campionato di Terza Categoria.

L’allenatore della locale squadra di calcio, al termine della gara, si era introdotto nello spogliatoio riservato alla terna arbitrale per chiedere spiegazioni circa la sua espulsione dal rettangolo di gioco nel corso dell’incontro.

Di lì a poco, però, i presenti hanno sentito  urlare  e visto l’arbitro scappare  dallo stabile chiedendo aiuto.

Refertato presso il nosocomio sorano, il 19enne direttore di gara ne avrà per almeno  10 giorni.

L’allenatore, un 47enne del posto, è stato così  deferito alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni dolose.

Sono in corso gli accertamenti per valutare l’emissione del DASPO.

Scrivi un Commento

10 + sedici =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy