Notizie adv

Le professioni IT più ricercate in Italia nel 2024

Condividi su Facebook Condividi su Whatsapp Condividi su Telegram Condividi su Twitter Condividi su Email Condividi su Linkedin

Sviluppatori full stack 

Lo sviluppare full stack è una delle figure più ricercate nel settore IT italiano. Si tratta di un profilo professionale in grado di padroneggiare sia il front-end che il back-end di un’applicazione, gestendo quindi sia la parte visuale che la logica di business. Le competenze richieste spaziano dalla conoscenza di HTML, CSS e JavaScript per la parte front-end, a linguaggi come PHP, Python o Java per il back-end. Inoltre, è fondamentale avere familiarità con i principali framework e librerie come React, Angular, Node.js o Spring. La richiesta di sviluppatori full stack deriva dal fatto che un’unica figura è in grado di occuparsi dell’intero stack tecnologico di un progetto.

Sviluppatori mobile iOS e Android 

Gli sviluppatori mobile sono tra i profili più ricercati, vista la diffusione massiccia di smartphone e tablet. Le aziende sono alla ricerca continua di developer in grado di creare app native performanti e accattivanti per iOS e Android. Per iOS è richiesta una conoscenza avanzata di Swift e del kit di sviluppo Xcode; per Android invece il linguaggio principale è Java, insieme all’IDE Android Studio. Oltre alle competenze tecniche, queste figure devono essere in grado di progettare interfacce user-friendly e architetture software scalabili.

Data scientist e data analyst 

L’analisi dei dati è un ambito in fortissima espansione, di conseguenza le figure di data scientist e data analyst sono molto ricercate. Si tratta di professionisti in grado di estrarre informazioni preziose da grandi moli di dati, attraverso tecniche statistiche e di machine learning. Per questi ruoli sono richieste competenze di programmazione (Python, R, SQL), matematica, statistica e conoscenza di framework Big Data come Hadoop e Spark. Oltre all’analisi, è fondamentale saper comunicare efficacemente i risultati delle analisi ai team decisionali.

Sviluppatori back-end 

Si tratta di programmatori focalizzati sull’implementazione della logica di business e sull’integrazione con database e API. Tra i linguaggi più richiesti per il back-end ci sono Java, Python, JavaScript (Node.js), PHP e C#. Oltre alla conoscenza della programmazione, è fondamentale la capacità di progettare architetture software scalabili e ad alte prestazioni. Per partire è sicuramente molto utile fare un corso per diventare sviluppatori PHP.

Cloud engineer 

La migrazione al cloud di molte aziende sta facendo emergere la necessità di figure esperte nell’architettura, implementazione e gestione di infrastrutture cloud. I cloud engineer sono in grado di migrare carichi di lavoro, dati e applicazioni sul cloud, ottimizzando costi e prestazioni. È richiesta familiarità con i principali provider come Amazon AWS, Microsoft Azure e Google Cloud Platform, oltre a ciò conoscenze di networking, sicurezza, scripting e virtualizzazione sono essenziali in questo ruolo.

Cybersecurity expert 

La sicurezza informatica è un aspetto critico per qualsiasi realtà IT, di conseguenza i professionisti della cybersecurity sono molto ricercati. Si va da figure come l’ethical hacker, focalizzato su penetration testing e vulnerability assessment, al security engineer specializzato nell’implementazione di sistemi di protezione su larga scala. Conoscenze di reti, threat intelligence, crittografia e governance sono fondamentali. Vista la carenza di professionisti, anche profili junior come il security analyst sono molto richiesti.

In sintesi, le competenze tecniche più spendibili per entrare nel mondo IT sono quelle relative a linguaggi come Java, Python, JavaScript e Swift, unitamente a conoscenze trasversali di cloud, analisi dati e cybersecurity. Non bisogna però tralasciare soft skill come problem solving, capacità di lavorare in team e propensione al lifelong learning, indispensabili per avere una carriera di successo nel dinamico settore tecnologico.