Cronaca

Nettuno, truffe ai danni di compagnie assicurative per falsi incidenti

Condividi su Facebook Condividi su Whatsapp Condividi su Telegram Condividi su Twitter Condividi su Email Condividi su Linkedin
Pigneto, tenta di corrompere i finanzieri per evitare il sequestro di prodotti contraffatti

Due persone sono state arrestate per le ipotesi di reato di truffa, riciclaggio e auto-riciclaggio dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misure cautelari personali e reali, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Velletri, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nell’ambito di indagini su un giro di truffe ai danni di compagnie assicurative tramite finti incidenti stradali.

Le indagini delle Fiamme Gialle della Compagnia di Nettuno: ecco cosa è emerso su alcune truffe ai danni di compagnie assicuravite per falsi incidenti stradali

Le indagini delle Fiamme Gialle della Compagnia di Nettuno – che avevano preso le mosse dalle querele
presentate dai rappresentanti di alcune società assicurative – hanno consentito di documentare la simulazione di 19 incidenti stradali (5 dei quali già liquidati per oltre 37.000 euro), da parte del titolare di un’autocarrozzeria nettunense.

Quest’ultimo, in concorso con alcuni suoi collaboratori e d’accordo con i proprietari degli autoveicoli, apriva le pratiche di liquidazione allegando alle stesse fotografie ritraenti autovetture “incidentate” a cui venivano apposte le targhe di quelle che figuravano coinvolte nei finti incidenti.

Gli indennizzi versati dalle compagnie assicurative per il risarcimento dei sinistri – per un importo
complessivamente pari a circa 360.000 euro – venivano convogliati sul conto corrente personale dell’indagato e, anche grazie alla complicità di alcuni parenti, successivamente riciclati e reinvestiti nella sottoscrizione di polizze assicurative e nell’acquisto di beni mobili e immobili, tra cui un appartamento.

Gli elementi acquisiti hanno permesso alla Procura della Repubblica di Velletri di ottenere il l’emissione del
provvedimento giudiziario, con cui sono state disposte le misure cautelari personali (la custodia cautelare in
carcere di una persona, gli arresti domiciliari di una seconda e il divieto di dimora di una terza), nonché il
sequestro preventivo di due terreni, un vigneto, un appartamento e un natante, nella disponibilità del titolare
dell’auto-carrozzeria.

LEGGI ANCHE – Arresti per spaccio a Nettuno e Ariccia, trovati con MDPV, cocaina, oppio e hashish

Questi, già colpito nel 2013 da una misura di prevenzione emessa dal Tribunale di Roma, divenuta definitiva nel 2016, aveva omesso di comunicare al competente Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza l’acquisto di beni mobili e immobili (come disposto dalla vigente normativa antimafia).

Gli accertamenti hanno permesso di individuare complessivamente 25 soggetti, residenti a Roma, Anzio (RM), Nettuno (RM), Latina, Aprilia (LT), Cisterna di Latina (LT), Sezze (LT), Desenzano del Garda (BS) e Santa Caterina dello Ionio (CZ), coinvolti nell’attività truffaldina.


Il procedimento versa nella fase delle indagini preliminari e, in attesa di giudizio definitivo, vale la presunzione di non colpevolezza.
L’attività della Procura della Repubblica di Velletri e delle Fiamme Gialle nettunesi si inquadra nella più ampia azione della Guardia di Finanza a contrasto degli illeciti economico-finanziari che danneggiano i cittadini e gli imprenditori onesti.

Foto di repertorio