Attualità

Annullata la multa se la prefettura produce i documenti a meno di 10 giorni dall’udienza davanti al gdp

Condividi su Facebook Condividi su Whatsapp Condividi su Telegram Condividi su Twitter Condividi su Email Condividi su Linkedin
Annullata la multa se la prefettura produce i documenti a meno di 10 giorni dall’udienza davanti al gdp

La Cassazione. Annullata la multa se la prefettura produce i documenti a meno di 10 giorni dall’udienza davanti al gdp. Depositabili senza limiti di tempo solo copia del rapporto e atti relativi ad accertamento, contestazione e notifica: ordinanza tardiva per l’inutilizzabilità della mancata comparizione all’audizione

Non è vero che nell’opposizione contro la sanzione amministrativa davanti al giudice di pace l’amministrazione può produrre tutti i documenti almeno fino alla prima udienza senza alcuna preclusione. È vero: possono essere depositati senza limiti di tempo la copia del rapporto, con gli atti relativi all’accertamento, alla contestazione e alla notifica della violazione. Ma le altre carte devono essere messe agli atti almeno dieci giorni prima l’udienza di discussione, altrimenti scatta la preclusione.

E l’inutilizzabilità dell’atto di convocazione del trasgressore può far risultare tardiva l’ordinanza-ingiunzione. Lo stabilisce la Cassazione con l’ordinanza 32226/22 pubblicata il 2 novembre 2022 dalla seconda sezione civile. Accolto il ricorso proposto dalla società e dagli ex soci: sbaglia il tribunale a confermare la decisione del giudice di pace che respinge l’opposizione contro l’ordinanza del prefetto; l’ufficio territoriale del Governo rigettava il ricorso contro il verbale d’infrazione notificato alla sas per il veicolo beccato dal sistema Sirio Ves 1 a circolare nella corsia riservata ai mezzi pubblici.

Per i giudici di legittimità, infatti, di cui ha scritto il sito Cassazione.net, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” il motivo è fondato e, al riguardo, hanno ricordato che: “Trova ingresso la censura secondo cui l’ordinanza del prefetto è tardiva: di fronte al ricorso che risale al 2 maggio, infatti, il provvedimento risulta pronunciato soltanto il 30 ottobre, dunque ben oltre il termine complessivo di centottanta giorni – sessanta per la trasmissione al prefetto e centoventi per l’emissione dell’atto – previsto dagli articoli 203 e 204 Cds.

E ciò perché manca la prova della convocazione per l’audizione personale richiesta dal trasgressore e dei conseguenti effetti interruttivi e sospensivi. I documenti prodotti dalla prefettura devono essere considerati inutilizzabili, tranne il rapporto e l’ordinanza-ingiunzione: è rimasto ordinatorio, invero, soltanto il termine previsto dall’articolo 7, comma settimo, del decreto legislativo 150/11, mentre risulta perentorio quello ex articolo 416 Cpc, che si applica per il richiamo operato dal primo comma dell’articolo 7 citato agli altri documenti depositati dall’amministrazione.

Oltre alla lettera di convocazione personale, nella specie, sono inutilizzabili gli atti interni dell’amministrazione che indicano la data dell’audizione e la mancata comparizione dell’interessato cui la convocazione risulta notificata per compiuta giacenza”.

Benzina 1.859 €/lt Diesel 1.799 €/lt GPL 0.789 €/lt Prezzi aggiornati al 07-02-2023
Raggiungimi