Casilina News
Cronaca

Broccostella. Reati e violazioni alla normativa sui finanziamenti ai partiti: nei guai otto persone, tra cui un ex amministratore locale

Spaccio di sostanze stupefacenti, furto e ricettazione di materiale dello stabilimento FCA in provincia di Frosinone

I Finanzieri del Comando Provinciale di Frosinone, al termine di complesse e articolate indagini per reati contro la Pubblica Amministrazione, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino, hanno proceduto alla notifica di n. 8 avvisi di conclusione delle indagini preliminari, ex art. 415 bis c.p.p., nei confronti di un ex amministratore locale di Broccostella, di quattro funzionari pubblici, nonché di tre imprenditori della provincia di Frosinone, indagati per i reati di turbata libertà degli incanti e per violazioni alla normativa in materia di finanziamento ai partiti.

Le indagini

Le indagini, che hanno interessato il periodo intercorrente tra il 2015 e il 2021, sono state svolte dagli
investigatori del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria attraverso l’esame di copiosa documentazione
amministrativa e contabile, l’analisi di dispositivi informatici, l’escussione di numerose persone e l’esecuzione di perquisizioni locali e domiciliari presso varie località della ciociaria ed in particolar modo del sorano.

Gli elementi raccolti nel corso delle investigazioni hanno portato quindi ad ipotizzare l’esistenza di alcune
anomalie nelle procedure di gara, verosimilmente finalizzate a favorire alcuni partecipanti e ad escluderne altri, in danno della libera concorrenza di mercato e delle casse dell’Ente pubblico appaltante.
In tale contesto, è stata ipotizzata una connivenza di alcuni funzionari pubblici che avevano preso parte alle fasi preparatorie e a quelle proprie della gara d’appalto.

Nel corso degli accertamenti, effettuati anche attraverso indagini finanziarie, inoltre, i Finanzieri hanno acquisito elementi che hanno portato a ritenere che una parte dell’ingiusta remunerazione – ottenuta con fondi pubblici – in favore delle imprese aggiudicatarie era stata successivamente reimpiegata per il finanziamento della campagna elettorale della lista di appartenenza dell’allora amministratore locale, collegata ad un partito politico.

L’inquinamento nel settore degli appalti emargina le imprese oneste dalle procedure ad evidenza pubblica ed
altera le regole della sana competizione tra le aziende, danneggiando gli onesti e facendo aumentare i costi dei servizi pubblici.

Foto di repertorio