Attualità

Roma, riorganizzazione della Polizia Locale: mancano uomini. UGL-PL: “Al tavolo serve il Sindaco”

Condividi su Facebook Condividi su Whatsapp Condividi su Telegram Condividi su Twitter Condividi su Email Condividi su Linkedin
Più di 24mila euro di multa per 60 attività commerciali di Roma in zona Pigneto, Rione Monti, Trastevere e Campo de Fiori

RIORGANIZZAZIONE DELLA POLIZIA LOCALE ROMANA: MANCANO UOMINI E INDIRIZZO POLITICO. UGL-PL: AL TAVOLO SERVE IL SINDACO

È sul tavolo sindacale la proposta di riorganizzazione del Corpo della Polizia Locale di Roma Capitale. Il documento proposto dal Comandante Generale, dr. Ugo Angeloni, prevede un’aumento delle posizioni apicali come responsabili di Sezioni (attualmente pressoché scomparse) ed una riduzione dei quadri intermedi ma, di fondo, a fronte di un sott’organico di oltre 3.000 unità. Questa l’analisi di sintesi del Coordinamento UGL-PL.

“I sogni nel cassetto sono belli ma rischiano di rimanere tali se non hanno gambe su cui camminare – evidenzia Sergio Fabrizi Coordinatore Nazionale UGL-PL- Siamo in presenza di una grave carenza di organico, senza che sia ancora bandito il nuovo concorso annunciato a più riprese dall’Amministrazione per poter prevedere il futuro del Corpo.

Ma soprattutto – incalza Fabrizi- manca l’dea di quale sia l’indirizzo politico del Sindaco. Quale pensa debba essere la missione del Corpo? Che continui a svolgere funzioni di “steward da stadio” concentrandosi sul non far sedere i turisti sulla scalinata di Trinità dei Monti o sul bordo delle vasche delle principali fontane del Centro Storico, quale Fontana di Trevi e sul continuare a fare i piantoni condominiali agli accessi dei campi nomadi, senza realizzare una vera azione di controllo e repressione delle azioni illegali ed una politica sociale sul tema. Si decidano prima le priorità dell’azione che deve essere posta in essere dal Corpo nella sua interezza e poi si decida il modello organizzativo e la squadra necessaria per raggiungerli”

“Il progetto presentato dal Comandante generale – incalza Ivano Ardovini RSU e neo Coordinatore della UGL Autonomie di Roma – continua a non rispettare la gerarchia ed i gradi previsti dalla L.R. del Lazio del 2005, unico caso in tutta la Regione. Si continua a restare impantanati in una organizzazione di oltre 15 anni fa superata ormai dalle nuove dinamiche sociali e dalle ulteriori funzioni assegnate dallo Stato alla PL in termini di sicurezza urbana e sicurezza integrata.” Il Sindaco per primo dia il segnale di cambiamento e di applicazione delle norme superiori – chiede in conclusione il sindacato UGL Autonomie.