Casilina News
Cronaca

Arresti a Giardinetti, Tor Bella Monaca e Prenestina: sequestrati soldi e cocaina

giardinetti tor bella monaca prenestina soldi cocaina

Continuano i servizi di controllo del territorio da parte della Polizia di Stato che, negli ultimi giorni, ha portato all’arresto di 9 persone gravemente indiziate del reato di  detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Solo in zona Casilino sono 5 le persone arrestate in diverse operazioni di polizia.

Ecco tutti i dettagli

E’ stato arrestato durante un posto di controllo in via Fosso di S. Maura, dagli agenti della Sezione Volanti. L’uomo, un 53enne italiano, è stato notato dagli agenti mentre a bordo di un motoveicolo, quando li ha visti, ha invertito la marcia. Insospettiti da tale atteggiamento, hanno deciso di fermarlo. Durante il controllo, il soggetto è stato trovato in possesso di 90 grammi di cocaina nascosti nel vano sottosella, 1750 euro in contanti e 3 smartphone. Successivamente, durante la perquisizione a casa, i poliziotti hanno sequestrato complessivamente  2 kg. di cocaina, 608 grammi di hashish  suddivisi in 6 panetti e vario materiale per il confezionamento delle dosi oltre ad un bilancino di precisione. Inoltre, in una borsa da viaggio, nascondeva  oltre 18 mila euro in contanti. Dopo la direttissima, convalidato l’arresto, nei confronti del 53enne, è stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Ha invece appena 18 anni il giovane fermato durante un servizio straordinario per il controllo del territorio, dagli agenti del VI Distretto Casilino in via delle Cincie. Durante un controllo da parte dei poliziotti è stato trovato in possesso di circa 50 grammi di hashish e 390 euro in contanti. Arresto convalidato.

Durante l’ordinaria attività di pattugliamento quando gli agenti della Polizia di Stato della Sezione Volanti, in via San Biagio Platani, nel quartiere di Tor Bella Monaca, nota zona di spaccio, hanno notato la presenza in strada, di un uomo con maglietta bianca e pantaloncini neri, 43 enne italiano, già conosciuto agli operatori per reati inerenti lo spaccio di stupefacenti. Hanno così deciso di procedere ad un controllo dello stesso che accortosi della loro presenza, quando li ha visti scendere dalla volante, ha lasciato cadere a terra un pacchetto di sigarette cercando poi di allontanarsi in tutta fretta. Nel pacchetto recuperato, sono state rinvenute 2 bustine contenenti una 8 involucri termosaldati contenenti cocaina per un peso di circa 3,35 grammi e l’altra 11 involucri con dentro del crack pari a 5 grammi. Perquisito, l’uomo, è stato trovato in possesso di 240 euro in contanti. Dalla relazione chimico tossicologico, è emerso che la cocaina sequestrata, avrebbe prodotto 26 dosi singole.  Dopo la convalida dell’arresto l’Autorità Giudiziaria, ha condannato l’uomo ad anni uno e mesi 8 di reclusione oltre al pagamento delle spese processuali.

Ad essere arrestato anche un romano di 25 anni, con precedenti di polizia, che nella medesima via qualche giorno dopo, è stato sottoposto a controllo dagli agenti della Sezione Volanti mentre con fare sospetto, si intratteneva con un probabile acquirente di stupefacente. Il giovane pusher, alla vista dei poliziotti ha iniziato a gridare agevolando la fuga dell’acquirente e facendo cadere a terra un pacchetto di sigarette poi recuperato. All’interno, sono stati rinvenuti 10 involucri termosaldati contenenti cocaina e crack per un totale di 3,8 grammi. Dopo la convalida dell’arresto, per lui è stata disposta la misura degli arresti domiciliari.

E’ un cittadino magrebino di 30 anni invece, che in via dell’Archeologia, è stato notato dagli agenti della del VI Distretto Casilino, prelevare da un cespuglio alcuni involucri bianchi e, in almeno 2 occasioni, cederli dietro scambio di denaro contante ad altrettanti clienti, Inoltre, è stata notata la cessione di una mazzetta di denaro contante da parte dell’uomo ad un altro soggetto rimasto al momento non identificato proprio poco prima dell’arresto. Nel cespuglio, sono stati sequestrati altri due involucri contenenti cinque dosi di eroina. Convalidato l’arresto.

Nel corso di un servizio per il controllo del territorio finalizzato alla repressione del fenomeno del traffico di stupefacenti, gli agenti della Polizia di Stato della Sezione Volanti, in via Prenestina angolo via Palmiro Togliatti, hanno fermato un motociclo Honda SH il cui conducente li aveva insospettiti. Romano di 48 anni, con precedenti di Polizia, spontaneamente ha consegnato loro una busta spillata con all’interno 519 grammi di cocaina. Perquisito lo scooter, i poliziotti hanno sequestrato ulteriori 8 involucri della stessa sostanza pari a 62 grammi nascosti sotto la sella. Anche la successiva perquisizione domiciliare ha consentito di sequestrare un involucro sottovuoto contenente cocaina pari a grammi 23,87, una macchina sottovuoto e materiale per il confezionamento delle singole dosi. Dallo stupefacente sequestrato si sarebbero potute ricavare 3209 singole dosi. Dopo la convalida dell’arresto, l’uomo è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari con divieto di comunicare con persone diverse da coloro che coabitano con lo stesso.

Ha appena 23 anni il cittadino del Gambia arrestato dagli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Viminale in via Giolitti. Il giovane, irregolare sul Territorio Nazionale, è stato trovato in possesso di circa 1,50 grammi di cocaina.  Arresto convalidato. Altri 2 arresti da parte dello stesso Commissariato sono stati effettuati nei confronti di un cittadino del Mali di 32 anni e di un italiano di 28 anni. Il primo, in via Giovanni Amendola dove dopo aver ricevuto una somma di denaro pari a 11 euro, ha consegnato ad un altro soggetto un involucro risultato poi essere hashish. Dopo la convalida lo straniero, è stato condannato a 4 mesi di reclusione. Il secondo invece è stato arrestato in via della Stazione Tuscolana all’interno del parcheggio di un supermercato. Durante un controllo, i poliziotti, in abiti civili, hanno rinvenuto 27 involucri contenenti cocaina pari a grammi 17 e 60 euro in contanti. Da una fotografia presente sul telefono cellulare del giovane, gli investigatori sono risaliti ad un appartamento in via Latina, dove vive la fidanzata. Qui, durante la perquisizione, all’interno della camera in uso allo stesso, è stata rinvenuta una scatola con dentro 67 involucri contenenti 49 grammi di cocaina oltre alla somma di 3975 euro in contanti, una bilancia di precisione e materiale per il confezionamento. Convalidato l’arresto, il giovane, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

Ad ogni modo tutti gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.