Casilina News
Attualità

Amazon apre le porte del centro di distribuzione di Colleferro per un incontro dedicato ai temi della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro

Nel 2021 in Italia, Amazon ha investito oltre 10 milioni di euro in progetti specifici legati al miglioramento della sicurezza e nell’acquisto di nuove dotazioni e ha erogato 500.000 ore di formazione sulla sicurezza.

Amazon ha annunciato che, a partire dal 28 aprile e per una settimana, il programma di tour virtuali dei suoi centri di distribuzione in Italia sarà dedicato ai temi della sicurezza e della tecnologia a supporto dei dipendenti.

In occasione della Giornata mondiale della salute e sicurezza sul posto di lavoro, Amazon ha aperto le porte del centro di distribuzione di Colleferro (RM) per un evento interamente dedicato al tema della sicurezza e per presentare le innovazioni introdotte dall’azienda nei suoi centri logistici.

All’evento hanno presenziato Oreste Romanelli, Responsabile del centro di distribuzione di Colleferro (RM), Vincenzo Apruzzese, Workplace Health & Safety Manager di Amazon, insieme ai rappresentanti delle istituzioni e dei media locali.

L’importanza di una cultura della sicurezza e le “Best Practice” messe in atto da Amazon per la salute di tutti i suoi lavoratori, sono stati gli argomenti al centro dell’intervento di Vincenzo Apruzzese, che ha concluso condividendo i dati aggiornati riguardo gli investimenti sostenuti dall’azienda nel corso dell’ultimo anno per rendere sempre più sicuri i suoi centri logistici nel Paese

Solo nel 2021, in Italia, abbiamo investito oltre 10 milioni di euro in progetti specifici legati al miglioramento della sicurezza e nell’acquisto di nuove dotazioni. Abbiamo erogato 500.000 ore di formazione sulla sicurezza” ha spiegato Vincenzo Apruzzese, Workplace Health & Safety Manager di Amazon. “La salute e la sicurezza dei nostri dipendenti è la nostra priorità. Siamo famosi per essere l’azienda più orientata al cliente del mondo, ma non solo. Vogliamo anche essere il miglior datore di lavoro e il posto più sicuro in cui lavorare. Per questo motivo, ci impegniamo ogni giorno affinché i nostri dipendenti possano beneficiare del supporto delle tecnologie più avanzate in termini di standard ergonomici e di sicurezza”.

La promozione di una cultura della sicurezza aziendale passa anche attraverso un’attività di formazione costante. Solo in Italia, sono più di 120 i dipendenti di Amazon dedicati esclusivamente ad attività di training e formazione delle persone e sono circa 800 i professionisti della sicurezza.

In Amazon la formazione inzia dal Day Zero, ovvero prima di entrare in azienda. Dopo la formazione iniziale, durante la loro carriera in Amazon le persone seguono costantemente programmi di traninig legati a ogni nuova mansione che devono svolgere o a macchinari che devono utilizzare. Inoltre, è previsto anche un aggiornamento annuale su temi safety ed ergonomics.

Lo scorso anno Amazon ha presentato l’Innovation Lab europeo basato a Vercelli, un laboratorio progettato per sviluppare tecnologie all’avanguardia pensate per migliorare ulteriormente la sicurezza e il benessere dei dipendenti sul luogo di lavoro. Le innovazioni includono postazioni di smistamento automatico, sollevatori di tote e veicoli a guida autonoma, e molte di queste tecnologie sono già state adottate in alcuni centri Amazon sia in Italia che in Europa.

Sempre sul tema sicurezza, fin dai primi giorni della crisi sanitaria globale, per servire i nostri clienti garantendo al contempo la sicurezza dei nostri dipendenti e fornitori di servizi, abbiamo investito 11.5 miliardi di dollari a livello globale e abbiamo modificato oltre 150 processi all’interno dei nostri siti. Inoltre, Amazon è stata tra le prime aziende in Italia ad aprire hub vaccinali dedicati ai dipendenti e allo staff dei fornitori terzi in Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto e Lazio.

Tour virtuali in diretta con un’attenzione alla salute e alla sicurezza

Come ulteriore prova del suo impegno nei confronti della salute e della sicurezza sul lavoro, Amazon ha annunciato che, a partire dal 28 aprile e per una settimana, il programma di tour virtuali nei centri di distribuzione in Italia sarà focalizzato sui temi della sicurezza e della tecnologia a supporto dei dipendenti. Chiunque lo desideri può registrarsi alle visite virtuali nei centri di distribuzione Amazon per scoprire tutto ciò che accade dal momento del click sul sito Amazon.it fino alla consegna a casa.

Le guide dei tour saranno collegate in diretta dai centri di distribuzione Amazon di Passo Corese (FCO1), Torrazza Piemonte (TRN1) e Castelguglielmo-San Bellino (BLQ1) per accompagnare i visitatori alla scoperta dei processi che caratterizzano la logistica Amazon, mostrando come vengono gestiti e preparati gli ordini dei clienti. Per partecipare è sufficiente accedere, già da oggi, al sito https://it.amazonfctours.com/virtualtours , prenotarsi e collegarsi al giorno e all’orario prescelto.

Grazie a questo programma i partecipanti prendono parte a un’esperienza unica, nel corso della quale possono interagire e rivolgere le proprie domande direttamente alle tour leader.

Presso il centro di distribuzione di Colleferro, aperto a ottobre 2020, Amazon ha già creato 620 posti di lavoro a tempo indeterminato, superando le stime iniziali di 500 posti di lavoro entro tre anni dall’apertura.

Investimenti in Italia

Dal suo arrivo in Italia nel 2010, Amazon ha investito oltre €8,7 miliardi creando più di 14.000 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato, di cui 4.500 solo nel 2021, in oltre 50 siti sparsi in tutto il Paese. Amazon ha inoltre annunciato l’apertura del suo primo centro di distribuzione in Abruzzo in cui saranno creati 1.000 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato entro tre anni dall’avvio dell’operatività, e del suo terzo centro di distribuzione nel Lazio, ad Ardea, dove creerà 200 posti lavoro a tempo indeterminato entro tre anni. Negli ultimi anni, Amazon ha inoltre aperto vari centri e depositi in tutta la Penisola. Per servire i clienti Amazon Prime Now e Fresh, l’azienda dispone di quattro centri di distribuzione urbani a Milano, Roma, Torino e Bologna.

Oltre agli investimenti effettuati nella rete logistica, nel 2013 Amazon ha inaugurato il Customer Service di Cagliari e ampliato la sua sede centrale corporate milanese. Nel 2017, Amazon ha trasferito i suoi nuovi uffici (17.5000 metri quadri) nella zona di Porta Nuova a Milano, distretto emergente per il business. L’azienda ha inoltre aperto un centro di sviluppo a Torino per la ricerca sul riconoscimento vocale e la comprensione del linguaggio naturale che supporterà la tecnologia utilizzata per l’assistente vocale Alexa.

Oltre ai nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato che l’azienda continua a creare, Amazon supporta imprenditori e chiunque intenda avviare un’attività in proprio, digitalizzare un’attività già esistente, oppure espandere il proprio business attraverso vari programmi: utilizzando il marketplace per la vendita o affidandosi alla rete di distribuzione di Amazon per lo stoccaggio e la consegna dei prodotti con FBA (Fulfillment by Amazon). Le imprese italiane che vendono i propri prodotti su Amazon.it hanno creato oltre 50.000 posti di lavoro e nel 2020 hanno superato € 600 milioni in export.

Amazon

Amazon è guidata da quattro principi: ossessione per il cliente piuttosto che attenzione verso la concorrenza, passione per l’innovazione, impegno per l’eccellenza operativa e visione a lungo termine. Amazon punta ad essere l’azienda più attenta al cliente al mondo, il miglior datore di lavoro al mondo e il luogo di lavoro più sicuro al mondo. Le recensioni dei clienti, lo shopping 1-Click, i suggerimenti personalizzati, Prime, Logistica di Amazon, AWS, Kindle Direct Publishing, Kindle, Career Choice, i tablet Fire, Fire TV, Amazon Echo, Alexa, la tecnologia Just Walk Out, Amazon Studios e il Climate Pledge sono alcune delle innovazioni introdotte da Amazon. Per maggiori informazioni, visitate il sito www.aboutamazon.it e seguite Amazon.it su InstagramFacebook e Twitter.