Casilina News
Cronaca

Roma, albergo irregolare: ampliati posti letto senza autorizzazione

roma albergo irregolare posti letto

Prosegue spedito il piano di controllo dei Carabinieri della Compagnia Roma Centro nelle attività commerciali e nelle strutture alloggiative nel Centro Storico.

Ecco tutti i dettagli

L’esito delle ultime 48 ore di ispezioni è di 2 persone denunciate, un albergo chiuso, la proposta di chiusura avanzata alle Autorità competenti nei confronti di una pizzeria, sanzioni e sequestri di alimenti scattati in un ristorante.

Nello specifico, i Carabinieri della Stazione Roma Macao hanno fatto scattare le verifiche in un albergo. Qui, i militari hanno scoperto che il gestore – un romano di 59 anni – aveva omesso la registrazione degli ospiti della struttura alle Autorità di Pubblica Sicurezza. Inoltre, nel corso dell’ispezione, è emerso che era stato ampliato il numero dei posti letto in modo del tutto illecito. Nei confronti del gestore è scattata la denuncia a piede libero per mancata registrazione alloggiativa e una sanzione dell’importo di 7.333 euro. Comminata anche la sanzione accessoria della chiusura della struttura.

I Carabinieri della Stazione Roma Piazza Farnese unitamente ai militari specializzati del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Roma (NAS), hanno effettuato un controllo in un ristorante in zona, gestito da un romano di 74 anni, durante il quale sono emerse irregolarità in materia igienico-sanitaria e l’omessa procedura di autocontrollo sugli alimenti, che ha portato ad una sanzione amministrativa di 4.500 euro e al sequestro di 7 Kg di alimenti, con segnalazione alla A.S.L. competente.

La seconda denuncia a piede libero è scattata nei confronti di una cittadina romena di 37 anni, amministratrice unica di una pizzeria, dove i Carabinieri del Comando Roma piazza Venezia, insieme ai militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Roma, hanno constatato la mancata predisposizione di una adeguata zona di aerazione negli spogliatoi dei dipendenti, l’installazione di telecamere di sorveglianza senza averne fatto la prevista richiesta, l’impiego di personale non risultante nella documentazione obbligatoria, mentre altri 2 lavoratori sono risultati impiegati senza averne dato la preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro. Nei confronti dell’attività è scattata una sanzione amministrativa di 9.700 euro e la proposta di sospensione dell’attività commerciale.

Scrivi un Commento

17 + nove =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy