Casilina News
Cronaca

Roma, aggressione nella notte: rider picchiato da un gruppo di ragazzi

Terribile incidente a Tor Tre Teste: scontro tra due auto, morto un 21enne

Ennesima aggressione a un rider. La notte scorsa un rider è stato picchiato, con calci e pugni, da un gruppo di ragazzi nel centro di Roma in piazza delle Cinque Lune, nei pressi di piazza Navona. L’uomo, in seguito all’accaduto, è stato portato all’ospedale Santo Spirito per accertamenti.

Aggressione nella notte a Roma: rider picchiato da un gruppo di ragazzi

A quanto si apprende, il rider ha riferito di essere stato aggredito da una decina di giovani ubriachi, mentre cercava di farsi largo tra le persone per passare. Sulla vicenda indagano le Forze dell’Ordine. Potrebbero seguire aggiornamenti in merito. Intanto, è arrivata la solidarietà da parte di Di Berardino.

RIDER; DI BERARDINO: “SOLIDARIETÀ A LAVORATORE AGGREDITO”

“Desidero esprimere a nome mio e dell’amministrazione regionale la solidarietà al rider aggredito nella notte a calci e pugni da un gruppo di ragazzi nel centro di Roma. Condanniamo con fermezza quanto avvenuto e ogni forma di violenza e ci auguriamo che i responsabili siano presto assicurati alla giustizia. Come Regione Lazio stiamo lavorando
per fare quanto di nostra competenza per tutelare una categoria di lavoratori particolarmente a rischio, perché continuamente in strada, di giorno e di notte, e in tutte le condizioni meteo.
Vogliamo ribadire l’importanza del sistema di tutele dei lavoratori digitali previsto dalla legge regionale del Lazio che pone la necessità dell’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro a carico delle piattaforme e il fermo rifiuto del cottimo. E inoltre è in corso il bando dedicato alla formazione dei lavoratori digitali sui rischi specifici in tema di salute e sicurezza e anche di sicurezza stradale e di diritti sindacali.
Come Regione continueremo a lavorare per applicare a pieno la nostra legge che si fonda sui diritti e sulla qualità del lavoro”.

Così in una nota l’assessore al Lavoro e Nuovi diritti della Regione Lazio, Claudio Di Berardino.

Foto di repertorio